Due rapine nel litorale romano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:36

Mattinata di terrore in una filiale del Monte dei Paschi di Siena a Fiumicino, in via Torre Clementina. Dopo essersi introdotti nella struttura verso le dieci e quaranta, due uomini hanno parzialmente coperto il loro volto con una bandana ed hanno minacciato i cassieri impugnando dei coltelli. I due rapinatori, che secondo i testimoni erano ben vestiti e avevano un accento italiano, avrebbero agito con una freddezza che lascia presupporre una certa esperienza nel loro campo criminale. 

Il bottino

Ventitremila euro, settemila dollari e seicento sterline. Questa è la refurtiva del colpo architettato e portato a compimento dai due tra il terrore dei presenti. I rapinatori, dopo aver ottenuto ciò che volevano, si sono dileguati entrando prima in un'attività commerciale attigua alla banca per poi fuggire lungo via degli Orti. La dinamica della fuga lascia pensare che gli autori abbiano studiato o conoscano bene la zona in cui hanno agito. Sul posto sono arrivati gli agenti del vicino commissariato di polizia che hanno operato i rilievi necessari per le indagini sul caso. Non è la prima volta che la filiale MPS di via Torre Clementina finisce vittima di malintenzionati: c'era già stato un episodio simile alcuni anni fa.  La strada dove è avvenuto il colpo è una delle più importanti del comune di Fiumicino, 

Una rapina anche ad Ostia Antica

Sempre sul litorale romano, stavolta ad Ostia Antica, si è registrata un'altra rapina ai danni, però, di un supermercato della catena Doc. Anche in questo caso sono stati in due ad agire, verso mezzogiorno: mentre uno dei due minacciava i presenti impugnando una pistola, l'altro è riuscito a portare via due registratori di cassa. I due sono poi scappati via insieme su uno scooter. Resta ancora da accertare la consistenza del “bottino”. Anche su questo episodio stanno indagando le forze dell'ordine.
 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.