DRAMMA IN DISCOTECA, LORENZO TOMA E’ MORTO PER CAUSE NATURALI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:04

Lorenzo Toma, il ragazzo deceduto nella discoteca “Guendalina” lo scorso fine settimana di Santa Cesarea, “è morto per cause naturali”. Lo ha annunciato il procuratore della Repubblica di Lecce, Cataldo Motta, incontrando i giornalisti nel primo pomeriggio per comunicare i risultati degli esami tossicologici sul corpo del 18enne. “Non e’ stata rinvenuta alcuna sostanza stupefacente – ha spiegato il magistrato – né a livello di urine, né di sangue, né nel contenuto gastrico”. Al termine dell’autopsia, compiuta lo scorso 11 agosto, il medico legale Alberto Tortorella aveva riferito che Lorenzo era affetto da una cardiomiopatia ipertrofica, una patologia che può causare una morte improvvisa e della quale pare che né lui né i familiari fossero al corrente.

Intanto domani sera il “Guendalina” riaprirà al pubblico dopo la chiusura conseguente alla morte di Toma. Nella serata evento di Ferragosto la scomparsa di Lorenzo sarà ricordata con la scritta “Lorenzo, uno di noi” che sarà proiettata su due grandi ledwall, con la data della sua improvvisa morte. Sempre per la serata di domani l’amministratore delegato del “Guendalina”, Vincenzo De Robertis, ha annunciato, intervistato da Radionorba, che ai giovani presenti saranno trasmessi messaggi sugli schermi, in consolle e al bar su alcol e droghe. Adeguandosi alle disposizioni varate dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, nella discoteca la somministrazione di alcol sara’ consentita sino alle 3 del mattino. Dalle 4 i decibel diminuiranno progressivamente per consentire il deflusso. Ma non sono le uniche novità apportate. “Abbiamo incrementato il servizio di sicurezza privato – ha aggiunto De Robertis – e ci saranno due ambulanze pronte ad intervenire in caso di necessità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.