MARTEDÌ 19 FEBBRAIO 2019, 11:50, IN TERRIS


SMOG

Dal 19 al 21 febbraio torna il blocco dei diesel

Le regioni interessate sono Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Lazio

ANGELA ROSSI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Smog
Smog
T

orna l'emergenza smog nel Belpaese. L'assenza di vento e di pioggia, hanno fatto salire le polveri sottili sopra i livelli di guardia, quindi da martedì 19 febbraio e fino giovedì 21, blocco dei diesel fino a Euro 4 e limiti al riscaldamento domestico e agricolo nei principali comuni.  


Ecco quali sono le Regioni interessate

  • Piemonte: a Torino e in altri 11 comuni dell'area metropolitana le auto diese Euro 4 non potranno circolare dalle ore 8 alle ore 19, mentre per i furgoni diesel euro 4 l'orario di blocco è 8.30-14, 16-19. La decisione è stata presa a causa di un ritorno per sei giorni consecutivi delle micropolveri con valori sopra la sogliadei 50 mcg/mc. 
  • Lombardia: la Rergione ha disposto misure temporanea antismog nelle province di Cremona, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Pavia e Varese, a causa del superamento dei valori di Pm10 per 4 giorni consecutivi. 
  • Veneto: in tutta la Regione, con la sola escluzione di Bolzano, non potranno circolare i mezzi diesel euro 4 immatricolati da più di 12 anni, esclusi quelli del trasporto pubblico. 
  • Emilia Romagna: le misure per combattere lo smog riguardano diversi comuni da Parma a Reggio Emilia, Piacenza, Modena, Bologna, Ferrara, Ravenna e Rimini, oltre ad altri centri minori. 
  • Toscana: il provvedimento riguarda soprattutto l'area di Lucca, dove lo stop alla circolazione dei veicoli più inquinanti eil divieto di accensione di caminetti sarà fino a venerdì 22. 
  • Lazio: a Roma per due giorni, da martedì 19 a mercoledì 20  blocco della circolazione per i veicoli più inquinanti all'interno della Fascia Verde. Il blocco riguarderà dalle ore 7.30 alle ore 20.30 ciclomotori e motoveicoli pre-euro 1 ed euro 1 ed autoveicoli alimentati a benzina euro 2.  Le categorie di veicoli previste dall'ordinanza comunale si aggiungono a quelle già bloccate in modo permanente nella Fascia Verde: autoveicoli alimentati a benzina pre-euro 1 ed euro 1; autoveicoli alimentati a gasolio (diesel) pre euro 1, euro 1 ed euro 2. Gli impianti termici dovranno essere gestiti in modo da garantire una temperatura dell'aria negli ambienti non superiore a 18°C o 17°C in funzione del tipo di edificio.
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"