Crolla un altro ponte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:44

E'crollato il trafficatissimo ponte Majerhat, nella metropoli indiana di Calcutta. Il disastro fa pensare che sotto i detriti ci siano diverse vittime anche se per ora sono accertati soltanto sette feriti. Al momento del crollo numerose automobili ed anche dei bus stavano attraversando il viadotto. Attualmente sono in corso le operazioni di soccorso portate avanti dalla polizia e dai vigili del fuoco. L'area è stata transennata e si lavora anche con l'ausilio di una gru. 

Il testimone

Il crollo è avvenuto mentre in India erano le 16 e 50. Sono state chiuse le strade attigue ed è stato interrotto il servizio di trasporto ferroviario. Un testimone ha riferito di aver visto un autobus con molti passeggeri venire inghiottito dal vuoto al momento del collasso della struttura. 

La primo ministro

Mamata Banerjee, primo ministro del Bengala Occidentale, ha appreso la notizia nel corso di una visita ufficiale a Darjeeling ed ha subito dichiarato che farà partire un'inchiesta su quanto è avvenuto. La politica indiana, inoltre, ha annunciato che le spese mediche dei feriti saranno a carico dello Stato. La primo ministro ha rivelato che, appena informata sull'accaduto, ha provato ad organizzare un viaggio di ritorno immediato ma almeno fino a domani non c'è disponibilità di voli.

Vecchio ponte

E' ancora difficile stabilire l'entità della tragedia sebbene le autorità indiane non escludono la presenza di morti.  Il viadotto crollato funge da collegamento per chi vive nell'area di Behala. La porzione del ponte collassata fa parte del vecchio cavalcavia che unisce New Alipore a Behala. Si tratta di una struttura che ha 40 anni di vita. Nel marzo scorso, infatti, era stato inaugurato un nuovo tratto denominato Garden Reach e vicino a quello coinvolto dal crollo di oggi. Il trasporto ferroviario è stato interrotto perchè il ponte è crollato proprio su un binario che si trova nella zona di Alipore. Anche gli abitanti locali stanno dando una mano ai soccorritori per scavare nelle macerie e aiutare chi è rimasto incastrato sotto i detriti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.