LUNEDÌ 25 MARZO 2019, 14:57, IN TERRIS


BOLOGNA

Condanna all'ergastolo per Igor il Russo

Il killer serbo Norbert Feher a processo (con rito abbreviato) per gli omicidi di Davide Fabbri e Valerio Verri

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Igor il Russo
Igor il Russo
E'

stato deciso il massimo della pena per Norbert Feher, vero nome del criminale serbo meglio conosciuto come Igor il Russo: il gup Alberto Ziroldi ha dunque confermato la richiesta del pubblico ministero di Bologna, condannando il killer all'ergastolo per gli omicidi di Davide Fabbri, barista, e del volontario Valerio Verri, commessi nell'aprile 2017 fra le province di Bologna e Ferrara. Feher, per il quale è stata rigettata la richiesta di una nuova perizia psichiatrica, è stato latitante per circa 8 mesi, durante i quali è sfuggito al cospicuo dispiegamento di forze nelle campagne emiliane messe in campo per cercarlo, riuscendo a fuggire dall'Italia e a rifugiarsi in Spagna, dove è stato poi arrestato nel dicembre dello stesso anno. L'uomo è attualmente in carcere a Saragozza e ha assistito in collegamento video al pronunciamento della sentenza, arrivata al termine del processo con rito abbreviato.


Le richieste di risarcimento

I delitti commessi in Italia per i quali Feher è stato incriminato risalgono rispettivamente all'1 e 8 aprile di due anni fa. L'omicidio di Davide Fabbri avvenne nel suo locale, con la dinamica ripresa per la maggior parte da una telecamera di sicurezza: il barista si oppose all'uomo, entrato armato e in completa tenuta militare nel locale, reagendo alla minaccia del fucile e riuscendo anche a strapparglielo di mano, prima di essere ucciso con una pistola. In aula, durante la requisitoria del pm e la lettura della sentenza, era presente sua moglie Maria, assistita dall'avvocato Giorgio Bacchelli, il quale ha inoltrato la richista di risarcimento di un milione per la vedova Fabbri e altri 500 mila euro per il padre della vittima, Franco. Al contempo, anche il legale della famiglia di Valerio Verri, il volontario del servizio ecologico assassinato circa una settimana dopo nel ferrarese, ha fatto richiesta di 2,1 milioni. Anche il legale di Marco Ravaglia, l'agente provinciale ferito nell'agguato in cui morì Verri, ha chiesto un milione come risarcimento. L'ultima richiesta, di 50 mila euro, è arrivata dalla provincia di Ferrara.


Il dolore delle famiglie delle vittime

Nonostante la condanna, la ferita per la moglie di Davide Fabbri è ancora aperta ed estremamente dolorosa, probabilmente mai guaribile del tutto: "Chi lo ha ammazzato non è stato Igor, ma è stato lo Stato - ha detto al termine dell'udienza -, perché questa persona non doveva essere qui in Italia", ha detto riferendosi all'espulsione già ricevuta in precedenza da Feher. "Non è giusto che una persona viene nel locale e può ammazzare le persone. Non è giusto. Mi ha lasciato un trauma. Io non ce la faccio più".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore