MARTEDÌ 28 APRILE 2015, 15:49, IN TERRIS

COGNE, OK DEL PROCURATORE GENERALE AI DOMICILIARI PER LA FRANZONI

Il tribunale di Bologna dovrebbe comunicare la decisione in pochi giorni

MANUELA PETRINI
COGNE, OK DEL PROCURATORE GENERALE AI DOMICILIARI PER LA FRANZONI
COGNE, OK DEL PROCURATORE GENERALE AI DOMICILIARI PER LA FRANZONI
Si è svolta oggi al Tribunale di sorveglianza di Bologna una nuova udienza per valutare la proroga degli arresti domiciliari per Annamaria Franzoni, la donna di Cogne condannata in via definitiva per l'omicidio del figlio Samuele nel 2002. Il giudice si è riservato di decidere in merito alla proroga, mentre nel corso dell'udienza svoltasi il procuratore generale Attilio Dardani si è detto favorevole alla proroga.

I legali di Anna Maria Franzoni sono fiduciosi sull'accoglimento dell'istanza di proroga, che consentirebbe alla mamma di Cogne di continuare ad espiare la pena, accanto ai figli, fra le mura domestiche. "Il procuratore generale si è detto favorevole - ha spiegato l'avvocato Lorenzo Imperato che difende Anna Maria Franzoni insieme alla collega Paola Savio - il giudice si è riservato abbiamo argomentato, nel senso che la signora Franzoni ha già scontato i due terzi di pena che deve espiare quindi secondo noi sussistono i requisiti per disporre la proroga del regime di detenzione domiciliare".

"La Cassazione ha già stabilito che non si pone alcun problema di pericolosità -ha ricordato infatti l'avvocato Imperato- e ha stabilito che l'istanza di questa detenzione domiciliare fu tempestivamente presentata, la Cassazione ha solamente chiesto al Tribunale di sorveglianza di Bologna di verificare che sussistessero le condizioni per la proroga, ovvero aver maturato i due terzi di pena espiata, visto che adesso Gioele ha più di dieci anni". A chi gli chiedeva dunque se siano fiduciosi rispetto a una proroga, Imperato ha risposto di "sì", considerato anche che "il procuratore generale ha concordato su questo aspetto tecnico-formale, matematico".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"