CATANIA, COPPIA MASSACRATA DURANTE UNA RAPINA: FERMATO UN IVORIANO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20

La polizia scientifica ha proseguito fino a notte fonda le indagini nella villa di Palagonia, dove una coppia di coniugi è stata brutalmente uccisa nel corso di una rapina. L’uomo, Vittorio Solano di 68 anni sarebbe stato sgozzato mentre la moglie Mercedz Ibaniz di 70, è stata lanciata dal balcone. Secondo le autorità il responsabile è un giovane ivoriano, Mamadou Kamara, dall’8 giugno ospite della Cara di Mineo e fermato ieri dalla polizia di Stato.

Al momento del fermo gli agenti hanno trovato il ragazzo in possesso di oggetti tecnologici rubati e sui vestiti diverse tracce di sangue. I vicini delle vittime raccontano che i due erano rientrati da una decina d’anni dalla Germania, dove entrambi lavoravano, e nel paese erano conosciuti come una famiglia “assolutamente tranquilla”.

E’ anche colpa dello Strato se i miei genitori sono stati uccisi – commenta tra rabbia e sgomento la figlia della coppia – perché permette a questi migranti di venire qui da noi e di fargli fare quello che vogliono, anche rapinare e uccidere”.

Mamadou Kamara, originario della Costa d’Avorio, stava passando i controlli per rientrare nel centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, quando è stato fermato dalla polizia per le consuete verifiche. Nel suo borsone sono stati trovati diversi oggetti come un pc portatile, una telecamera e alcuni telefonini. Proprio i controlli sui cellulari rubati, di cui uno era intestato al signor Solano, hanno permesso agli investigatori di collegare il giovane ivoriano all’omicidio di Palagonia.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.