VENERDÌ 12 MAGGIO 2017, 13:00, IN TERRIS

Caso Celentano, il test del dna chiude la pista messicana: "Celeste Ruiz non è Angela"

La ragazza è stata rintracciata dopo 7 anni: nel 2010, utilizzando una sua foto, qualcuno contattò la famiglia Celentano sostenendo di essere la figlia scomparsa nel 1996

DAMIANO MATTANA
Caso Celentano, il test del dna chiude la pista messicana:
Caso Celentano, il test del dna chiude la pista messicana: "Celeste Ruiz non è Angela"
Ci avevano sperato i genitori di Angela Celentano che quella ragazza messicana, che sosteneva di essere la loro figlia, fosse davvero la stessa bambina scomparsa ormai 21 anni fa sul Monte Faito. Una speranza coltivata per sette anni, delusa dall'analisi del dna effettuato su Celeste Ruiz (questo il nome utilizzato dalle cronache) dopo la sua individuazione: quella presunta ragazza che, nel 2010, sostenne di riconoscersi nel volto della piccola, in realtà non è Angela. L'inizio della vicenda di Celeste, infatti, iniziò proprio quando, dopo aver visto una foto della bimba svanita nel nulla il 10 agosto del 1996, qualcuno contattò la sorella dicendo di essere la stessa persona ritratta nella foto, affermando inoltre di essere in buone condizioni e di non voler essere cercata. Da quel momento, però, "Celeste" divenne irrintracciabile e, per oltre un lustro, di lei non si è più avuta notizia.

Furto d'identità


In questi anni, addirittura una ricompensa di tre milioni di pesos (144 mila euro) era stata offerta dal governo messicano per chiunque avesse fornito informazioni utili alla sua individuazione. La prospettiva del premio, però, non ha dato nessun esito fino a oggi, quando la notizia del suo ritrovamento è stata diffusa dalla trasmissione "Quarto grado". Sette anni di speranza per la famiglia e, paradossalmente, sette di ignoranza assoluta in merito alla vicenda per la ragazza che, in questo lasso di tempo, era totalmente rimasta all'oscuro di quanto accaduto alle sue spalle. A contattare la famiglia, infatti, non fu la presunta "Celeste", da anni residente in Francia, ma un non meglio identificato cittadino messicano che, a quanto pare, avrebbe prelevato la sua foto (scattata peraltro molti anni prima) da internet, creando una falsa identità.

Proseguono le indagini


"La cura e la completezza delle indagini e il risultato conseguito - ha spiegato in una nota il procuratore di Torre Annunziata, Sandro Pennasilico - non leniscono l'amarezza sul piano umano i quanto accertato e non esauriscono la partecipazione di chi lavora al caso alle speranze della famiglia Celentano". La pista del Messico sfuma, dunque, anche se le ricerche di Angela non si fermano qui. Naturalmente, la delusione della famiglia per quella che, in questi anni, ha rappresentato una possibilità di poter davvero riabbracciare la propria figlia, è stata molto forte. Qualcuno, anche in un Paese lontano, ha ritenuto di poter millantare sul dolore di persone che, a distanza di oltre venti anni, continuano a non perdere la speranza di poter, un giorno, rincontrare la loro bambina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Il sottomarino Ara San Juan
SOTTOMARINO DISPERSO

"I segnali non sono del 'San Juan'"

La Marina militare argentina smentisce che i suoni captati dai sonar appartengano al sommergibile, sparito dai radar da 5 giorni