Casalecchio, urla “'Allah akbar” e aggredisce i passanti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:57

Giornata di paura e di coraggio stamani in provincia di Bolgna. Un uomo di origini africane ha urlato “Allah Akbar” e ha aggredito dei passanti, danneggiato alcune auto, rubato un cellulare di una signora e preso a pugni un consigliere comunale. Il tutto è avvenuto nel giro di pochi minuti questa mattina alle 11,30  alla fermata del bus del centro commerciale Meridiana, a Casalecchio di Reno, in provincia di Bologna.

Il soccorso del consigliere

A dare in escandescenze, un ghanese di 27 anni, incensurato. Senza apparente motivo, ha iniziato a picchiare con il suo zaino, contenente il Corano, i passeggeri fermi alla fermata dell'autobus. In quel mentre passava in auto Andrea Doria, consigliere comunale della Lega. “È preoccupante ed increscioso quanto accaduto a Casalecchio presso il centro commerciale La Meridiana  – denuncia il consigliere comunale su Today.it -. Ero in macchina, quando ho visto questa persona che gridava ‘Allah akbar’ e colpiva chiunque gli capitasse a tiro. Ha anche preso a pugni il parabrezza di un bus fermo. Allora sono intervenuto, cercando di placarlo. Ho allontanato le persone che stavano passando per evitare che venissero picchiate anche loro. Non sapevo se fosse armato sotto la tunica, aveva anche uno zaino con sé, ma ho comunque provato a trattenerlo, ma lui mi ha colpito con un pugno in testa ed è riuscito a scappare. Ho immediatamente chiamato i carabinieri, continuando a tenerlo a vista. Dopo poco i militari lo hanno preso: voglio ringraziarli per il tempestivo intervento, senza il quale la situazione avrebbe potuto avere risvolti imprevedibili“. Il consigliere, coinvolto nella colluttazione mentre cercava di fermare l'aggressore, ha riportato una prognosi di tre giorni per lesioni. Lodevole il coraggio dimostrato. Il ghanese è stato arrestato dai carabinieri; poi sedato dal personale del 118 e portato all'ospedale Maggiore, dove si trova per accertamenti psichiatrici. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.