GIOVEDÌ 17 MAGGIO 2018, 17:33, IN TERRIS

EUTANASIA

Cappato e Welby chiedono il giudizio immediato

Indagati per il suicidio assistito di Davide Trentini in Svizzera

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Davide Trentini con Mina Welby
Davide Trentini con Mina Welby
R

iparte la battaglia per l'introduzione dell'eutanasia in Italia, una strada di fatto già aperta dalle Dat, le disposizioni anticipate di trattamento. Una battaglia che per il momento i paladini della "dolce morte" stanno conducendo sul campo, aiutando i malati a morire, e nelle aule giudiziarie.

Così Marco Cappato e Mina Welby, dopo essersi autodenunciati per la morte di Davide Trentini, malato di Sla, avvenuta il 13 aprile in Svizzera col suicidio assistito, hanno ora chiesto il giudizio immediato, rinunciando all'udienza preliminare fissata per il 31 maggio a Massa, dove il tesoriere e la copresidente dell'associazione Luca Coscioni, sono indagati. In una nota diffusa da Filomena Gallo, segretario dell'associazione, avvocato e coordinatrice del collegio di difesa di Cappato e Welby, si spiega che i due hanno deciso "di saltare un passaggio dell'Iter giudiziario, rinunciando alla udienza preliminare del 31 maggio e optando per il giudizio immediato davanti alla Corte d'Assise". "Di fronte a una imputazione che include la istigazione al suicidio, oltre che l'aiuto materiale, riteniamo indispensabile - si legge nella nota - andare a un dibattimento pubblico, anche nella speranza di aiutare il Parlamento a mettere in discussione la legge di iniziativa popolare per la legalizzazione dell'eutanasia, che da oltre quattro anni e mezzo giace alla Camera dei Deputati". La morte di Davide Trentini avvenne il 13 aprile 2017. L'indomani Marco Cappato e Mina Welby si autodenunciarono. La fase delle indagini svolte dalla Procura di Massa si è conclusa con il cosiddetto "Avviso di conclusione delle indagini preliminari", datato 28 settembre 2017.

"Successivamente - si legge ancora nella nota - sono stati avvisati gli indagati della richiesta di rinvio a giudizio da parte della Procura di Massa al Gip, che ha fissato l'udienza preliminare per il prossimo 31 maggio 2018 alle 10.30. A questo punto il Giudice dell'udienza preliminare avrebbe dovuto decidere se rinviare a giudizio Mina Welby e Marco Cappato" accusati di istigazione o aiuto al suicidio sotto forma di concorso. "La decisione di rinunciare all'udienza preliminare porta di nuovo Marco Cappato, dopo il fronte processuale aperto per l'assistenza offerta a Dj Fabo, di fronte ad una Corte di Assise che ora ha il compito di fissare la data del processo di primo grado. Questa volta insieme a Mina Welby. Saranno giudicati - conclude la nota - per un reato punito in Italia in modo grave, proprio mentre la Corte di Assise di Milano, tramite ordinanza, ha rimesso la stessa norma alla valutazione della Consulta per giudicarne i profili di costituzionalità".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Milano-Cortina 2026

Milano-Cortina 2026, un'occasione di sviluppo e inclusione

Investimenti importanti per l'appuntamento sportivo, con opere che dovranno essere fruibili a tutti i cittadini

Ecco dove si gioca la vera sfida al cambiamento climatico

"Alle nuove generazioni è affidato il futuro del pianeta, in cui sono evidenti i segni di uno sviluppo che...
Preghiera
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, a Padova scuola di preghiera da casa su YouTube

Alla Basilica di Assisi si è pregato oggi per la fine dell'epidemia
Sala parto
NASCITE

Troppo bisturi in sala parto. All'Italia il record Ue

Negli ultimi 15 anni è raddoppiato il numero dei bambini nati con parto cesareo (1 su 5 nel mondo, 1 su 4 in Italia)
Papa Francesco a Bari - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Il Papa: "La guerra è il fallimento di ogni progetto umano e divino"

Il Santo Padre al convegno "Mediterraneo frontiera di pace": "Non ci sono vie alternative al dialogo"

Chi riduce il cristianesimo a una regoletta

"Vogliamo pregare anche per quelli che hanno colpito il mio papà perché, senza nulla togliere...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, Conte: "Il decreto legge è per tutelare la salute degli italiani"

Nel provvedimento misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica
ANNIVERSARIO

Ad Ancona due vie per il Papa che ha cambiato la storia

Nel capoluogo marchigiano saranno intitolate Largo San Giovanni Paolo II e Molo Wojtyla. Convegni e mostre nel centenario della...
L'EPIDEMIA

Mattarella: "Riconoscenza a quanti si impegnano per fronteggiare il coronavirus"

Un caso sospetto in Umbria. Conte: "Al lavoro senza sosta per reagire all'emergenza
L'EPIDEMIA

Le 10 regole per prevenire il contagio da coronavirus

I consigli del Ministero della Salute per cercare di contenere la diffusione del virus
PRECAUZIONI

La liturgia al tempo della pandemia

No alla stretta di mano per lo scambio della pace e all'ostia in bocca. Le diocesi di Piacenza e Vercelli adottano per le...
Sigarette
TOBACCO CONTROL SCALE 2019

Prevenzione del tabagismo: Italia 16esima in Ue

Primo il Regno Unito; all'ultimo posta la Germania e penultima la Svizzera
ECONOMIA

Coronavirus, il Fmi taglia il Pil mondiale

La direttrice Georgieva: "Guardiamo anche a scenari più preoccupanti"
I carabinieri alla ex fornace, Valle Aurelia, Roma
ROMA

Minorenni violenti: droga, risse e vandalismo, 19 denunce

Sono stati sorpresi all’interno della ex fornace Veschi a Valle Aurelia
TERREMOTO

Trema l'Emilia: scossa magnitudo 3.4 a Correggio

Al momento non si segnalano danni
EGITTO

Zaky, prolungata di 15 giorni la custodia cautelare

Sit-in all'Università della Calabria: "In lotta per Patrick"