Caporalato e sfruttamento della prostiruzione: 5 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:39

Avevano promesso loro di farli vivere in una casa dignitosa in cambio del lavoro nei campi. Ma la realtà si è dimostrata essere un incubo: i lavoratori ricevevano solo vestiti trovati nella spazzatura, cibo di bassa qualità o scaduto ed erano costretti a dormire in alloggi fatiscenti senza riscaldamento. Alcuni di loro, per lo più minorenni, venivano anche obbligati a prostituirsi. In caso di ribellione, botte e violenze di ogni tipo. E chi si ribellava era vittima di violenza inaudita.

Prostituzione minorile

E' quanto emerso da un'indagine della polizia di Ragusa che ha fermato cinque romeni per caporalato, associazione a delinquere, traffico di esseri umani e sfruttamento pluriaggravato della prostituzione, anche minorile. Le indagini, coordinate dalla Procura distrettuale di Catania, sono state avviate dalla squadra mobile dopo la denuncia di un romeno, attirato, come gli altri, con l'inganno e la falsa promessa di un lavoro, di una casa dignitosa e, poi, invece, privato di ogni facoltà di negoziare condizioni anche di vita. Tutte le vittime sono ora ospitate nella struttura di un’associazione anti-tratta presente sul territorio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.