GIOVEDÌ 17 GENNAIO 2019, 09:54, IN TERRIS


LAVORO SFRUTTATO

Caporalato: nuovi arresti

A Latina stranieri impiegati in "condizioni disumane". Ieri operazione in Basilicata

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Caporalato
Caporalato
C

entinaia di stranieri impiegati in lavori agricoli in "condizioni disumane" da un'organizzazione criminale. Questo l'oggetto dell'operazione portata avanti dalla Polizia di Stato di Latina.


Gli arresti

Diverse le persone raggiunte da misure cautelari eseguite dagli agenti della Squadra Mobile e del Servizio Centrale Operativo della Ps. Fra questi anche un sindacalista e un ispettore del lavoro operanti nella provincia pontina. 


L'altra operazione

Si tratta della seconda operazione in due giorni contro la piaga del caporalato. Dodici persone sono state arrestate nella zona jonica della Basilicata (provincia di Matera) dove i lavoratori venivano sfruttati "fino a 18 ore al giorno" con un'unica pausa di mezz'ora. Tra le persone arrestate vi è anche un dipendente del Comune di Scanzano Jonico, che è ai domiciliari con l'accusa di corruzione per aver agevolato (dopo aver ricevuto somme di denaro) il rilascio di carte d'identità chieste da alcuni caporali per i lavoratori affinché potessero, ad esempio, aprire conti correnti oppure ottenere benefici. Nei confronti di due dipendenti di un patronato della Uil di Marconia di Pisticci (Matera), il gip di Matera ha disposto il divieto di dimora, in un caso, e l'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, nell'altro. Secondo quanto reso noto dagli investigatori in una conferenza stampa che si è svolta stamani negli uffici della Procura della Repubblica di Matera, le indagini - che hanno riguardato il periodo compreso tra maggio 2014 e maggio 2018 - hanno fatto emergere lo sfruttamento di almeno 200 persone, tutte romene, costrette a vivere condizioni di particolare disagio. Alla guida dell'associazione a delinquere - secondo gli investigatori - vi era una coppia di romeni, entrambi in carcere, che avrebbero ottenuto un profitto illecito di oltre 1,3 milioni di euro, anche attraverso le liquidazioni e benefici versati sui conti correnti intestati ai lavoratori, ma nella loro disponibilità. E' stata la denuncia ai Carabinieri di uno dei lavoratori sfruttati, che si era in precedenza rivolto all'ambasciata in Italia della Romania, a dare il via alle indagini: l'uomo ha raccontato di essere giunto in Italia dopo aver visto su Facebook una proposta di lavoro nei campi del Metapontino e dopo aver pagato 150 euro a un intermediario.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...