MARTEDÌ 19 FEBBRAIO 2019, 09:51, IN TERRIS


VENEZIA

Camorra in Veneto: 50 arresti

Sequestrati anche beni per 10 milioni di euro

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Arresti e perquisizioni in Veneto
Arresti e perquisizioni in Veneto
N

on si ferma l'opera di contrasto alla camorra da parte delle forze dell'ordine in varie parti d'Italia. Dopo gli arresti di ieri a Napoli, oggi il colpo alla malavita infiltratatasi nel ricco Nord-Est, per la precisione in Veneto. La Guardia di Finanza e la Polizia, coordinate dalla Dda di Venezia, hanno eseguito stamane dalle prime luci dell'alba 50 misure cautelari e 11 provvedimenti di obbligo di dimora e di altro tipo. Gli arresti sono scattati a Venezia ma anche in Campania, per la precisione a Casal di Principe, in provincia di Caserta, e in altre località. I destinatari del provvedimento sono accusati, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso e altri reati. Durante l'operazione, sono stati anche sequestrati 10 milioni di euro in beni mobili, immobili e valuta.


Gli arresti dei giorni scorsi

Ieri nel Rione Sanità, nel capoluogo campano, i Carabinieri del Comando provinciale di Napoli hanno arrestato circa 30 persone ritenute affiliate al clan camorristico dei Sequino. Il clan è noto perché da anni si contende il predominio sugli affari illeciti della zona - in primis lo spaccio di sostanze stupefacenti - contro il clan rivale dei sopracitati Mazzarella. Lo scorso 16 febbraio era stato arrestato il boss Ciro Rinaldi, ritenuto il capo del clan omonimo napoletano operante nel rione Villa, di recente in forte contrasto proprio con i Mazzarella. L'uomo, latitante dal 2 novembre 2018, è stato rintracciato in un'abitazione privata a san Pietro Patierno. Deve rispondere di tre omicidi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"