MERCOLEDÌ 21 SETTEMBRE 2016, 001:00, IN TERRIS

CALAIS, INIZIATA LA COSTRUZIONE DEL MURO ANTI-MIGRANTI

L'obiettivo è impedire ai rifugiati di introdursi illegalmente nei camion diretti a Dover, dall'altra parte della Manica

EDITH DRISCOLL
CALAIS, INIZIATA LA COSTRUZIONE DEL MURO ANTI-MIGRANTI
CALAIS, INIZIATA LA COSTRUZIONE DEL MURO ANTI-MIGRANTI
Sono iniziati i lavori per la costruzione del grande muro di Calais, che Londra ha voluto per impedire ai migranti in fuga da guerra e povertà di passare dalla Francia in Gran Bretagna. Alto quattro metri per un chilometro di lunghezza, il muro in cemento armato e dotato di telecamere di sorveglianza sorgerà a poche centinaia di metri dalla "Giungla", il grande campo profughi che il governo di Parigi si è impegnato a smantellare entro fine anno.

L'obiettivo è impedire ai rifugiati di introdursi illegalmente nei camion diretti a Dover, dall'altra parte della Manica. Interamente finanziata dal governo di Londra, la struttura completerà il recinto di protezione in ferro e filo spinato già eretto nella zona per impedire l'accesso al porto.

Secondo la prefettura del Pas-de-Calais, il muro sarà pronto "entro fine anno". In base alle stime il progetto dovrebbe costare 3,2 milioni di euro e fa parte di un pacchetto di misure del governo di Londra per meglio controllare il confine con la Francia. Il progetto era stato concordato da tempo fra i due Paesi e l'ex premier David Cameron lo aveva presentato nell'incontro dello scorso marzo col presidente Hollande.

Secondo le ultime stime, sono oltre 10.000 i migranti del campo chiamato 'la Giungla', non lontano dalla più importante arteria stradale che conduce al porto e agli imbarchi per l'Inghilterra. A decine ogni giorno tentano di salire sui tir diretti a Dover, spesso incolonnati in attesa di raggiungere i ferry, molto spesso rimanendo vittime di incidenti e causando forti disagi ai conducenti.

Questa immensa barriera ha raccolto non poche critiche, non solo delle associazioni umanitarie ma anche da parte dei diretti interessati, gli autotrasportatori britannici. Una della loro associazioni, la Road Haulage Association, ha parlato di "spreco di denaro pubblico" e chiesto che invece i fondi vengano usati per migliorare la sicurezza e i controlli direttamente sulle strade, potenziando la presenza della polizia e anche usando l'esercito.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano
Monsignor Lorenzo Leuzzi
VESCOVI

Monsignor Leuzzi trasferito a Teramo

Nominati ausiliari a Roma don Paolo Ricciardi e padre Daniele Libanori