Bus si capovolge in autostrada: almeno 12 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:25

Gravissimo incidente nei pressi del sito archeologico di Chacchoben, in Messico: un pullman di grandi dimensioni, che trasportava turisti di una nave da crociera verso le vicine rovine Maya, si è ribaltato in autostrada per cause ancora da chiarire, provocando la morte di almeno 12 persone. Secondo quanto riferito finora, a bordo del mezzo si trovavano anche due passeggeri italiani i quali, come spiegato dalla Farnesina (in collaborazione con le autorità dell'ambasciata di Città del Messico), sono rimasti illesi tornando quasi immediatamente sulla nave: in totale, il bus trasportava una trentina di turisti. Tra le vittime, come riportato  alla Cnn dalla Segreteria di pubblica sicurezza dello Stato, vi sarebbero alcuni stranieri tra i quali sette americani e due di nazionalità svedese. Ufficialmente, però, il governo messicano non ha ancora rivelato le varie nazionalità. Le medesime fonti hanno riferito che, subito dopo l'incidente, l'autista si sarebbe dato alla fuga.

Soccorsi in campo

Sul posto, al momento, sono presenti i mezzi di soccorso e le Forze dell'ordine, intenti a ricostruire la dinamica della tragedia: il portavoce della protezioni civile dello Stato di Quintana Roo, a ogni modo, ha riferito che per ora non vi è chiarezza sugli esatti sviluppi dell'accaduto anche se, molti media locali, hanno parlato della foratura di uno pneumatico che, in breve, ha portato il conducente alla perdita di controllo del mezzo che stava guidando. Sembra che alcuni passeggeri siano a lungo rimasti intrappolati fra le lamiere del mezzo capovolto mentre i feriti venivano trasportati in quattro diversi ospedali della regione. L'incidente si è verificato in una zona fra le più frequentate dai turisti, situata nel pieno della Penisola dello Yucatan, circa 350 chilometri a sud di Cancun, precisamente nella località di El Mahahual.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.