MARTEDÌ 11 GIUGNO 2019, 15:33, IN TERRIS


SAN DONATO

Bus dirottato, i pm: "Sy voleva fare una strage"

Con le indagini si rafforza l'ipotesi di Linate come possibile obiettivo dell'autista. E in Cdm si discute di Ramy e Adam

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il bus incendiato a San Donato
Il bus incendiato a San Donato
S

i rafforza ulteriormente la pista che attribuirebbe a Ousseynou Sy, l'autista del bus da lui sequestrato e incendiato a San Donato, il 20 marzo scorso, l'intento di voler fare una strage sulla pista dell'aeroporto milanese di Linate. Secondo quanto appurato nel corso delle indagini condotte dai carabinieri di Milano e coordinate dai pm Alberto Nobili e Luca Poniz, l'autista aveva girato anche una sorta di video proclama, nel quale inneggiava al panafricanesimo e al combattimento contro i governi corrotti, oltre che alla critica contro "la politica europea che sfrutta l'Africa". Un filmato ritenuto non pubblicabile in quanto passibile di emulazione e odio: secondo l'imputazione a carico di Sy (che aveva tenuto in ostaggio 50 bambini, due insegnanti e una bidella), l'uomo avrebbe avuto "l'intento di condizionare i pubblici poteri in relazione alle politiche in materia di accoglimento degli stranieri, di intimidire la popolazione". Al senegalese sono inoltre contestate le accuse di lesioni a 17 bambini, non solo fisiche ma soprattutto emotive, attribuibili a traumi da stress e psichici da "violenza emotiva".


Indagini

Negli ultimi due mesi, le indagini si sono concentrate sul passato di Sy e sull'individuazione di possibili elementi in grado di fornire una spiegazione a quanto accaduto a San Donato, quando l'uomo aveva dirottato verso Linate il bus scolastico con 50 bambini in gita lanciandolo a tutta velocità sulla superstrada e, successivamente, incendiandolo. Sy era stato fermato dai carabinieri, allertati da alcuni bambini presenti sul bus riusciti a nascondere o a recuperare di nascosto il proprio cellulare, dopo che il sequestratore li aveva requisiti.


I ragazzi eroi

A proposito dei ragazzi, sulla situazione di due di loro, Ramy Shehata e Adam El Hamami, si discuterà in Consiglio dei ministri, sul tavolo del quale dovrebbe arrivare la proposta di concedere ai due la cittadinanza per meriti speciali. Ramy e Adam, infatti, sono fra coloro che hanno allertato i soccorsi durante quei drammatici istanti, riuscendo in tal modo a scongiurare ulteriori pericoli per i loro compagni. Un gesto eroico che, secondo il ministro dell'Interno, Matteo Salvini (che li ha anche incontrati assieme ad altri due alunni, Fabio e Aurora), può valere loro la cittadinanza: "Ritengo che i giovani abbiano reso eminenti servizi al nostro Paese, per aver contribuito, con il proprio gesto di alto valore etico e civico, a sventare la tentata strage".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista

Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
Potrebbe colpire ancora Ousseynou Sy, l'autista 47enne che, tre giorni fa, ha sequestrato il bus che stava guidando con 51 studenti a bordo,...
NEWS
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio
Salvini arriva a Washington
WASHINGTON

Salvini all'Ue: "Non accettiamo più briciole"

Da Oltreoceano il vicepremier manda un messaggio alle istituzioni europee: "Flat tax sì, fatevene una ragione"
Francesco Belsito
LA SENTENZA

Processo Siram: assolto Belsito

Il pm aveva chiesto 4 anni per l'ex tesoriere della Lega Nord
Luca Poniz
NOMINE

Csm, Poniz: "Politica si assuma responsabilità"

Il neo presidente dell'Anm: "Da tempo criticavo la magistratura associata"
BERGAMO

Travolto al posto di controllo, morto un carabiniere

Investimento nella notte, il conducente forse era ubriaco
INCIDENTI STRADALI

Roma, donna investita da autobus è grave

Sulla ricostruzione della dinamica sta lavorando la Polizia Locale
Paramilitare
AMERICA LATINA

Nicaragua: i paramilitari attaccano due chiese

Lanciate bombe “stordenti” e colpiti i fedeli all'uscita delle celebrazioni eucaristiche
Il blackout
L'EVENTO

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto
LOTTA AGLI STUPEFACENTI

Palermo: sbarca con 21 chili di droga, arrestato

Misura cautelare effettuata nei confronti di un incensurato
Bomba carta (immagine di repertorio)
RIONE SAN GAETANO

Bomba carta e "stesa" a Napoli: scene da guerriglia

L'ordigno artigianale è esploso davanti l'ingresso di una palazzina di via Teano
La petroliera in fiamme nel golfo di Oman
MARE DI OMAN

Attacco alle petroliere: gli Usa valutano l'invio di truppe

Ma il Giappone chiede agli Usa "Prove concrete" contro l'Iran "oltre le speculazioni"
Joshua Wong
ASIA

Hong Kong: è libero il leader degli ombrelli

Scontata la pena di due mesi per le manifestazioni del 2014
Mario Conoci
ELEZIONI COMUNALI IN SARDEGNA

Mario Conoci è il nuovo sindaco di Alghero

Centrodestra in testa anche a Cagliari, il Centrosinistra a Sassari
Lavoro

Zero, qualcosina

In questi ultimi giorni si è data enfasi sulla crescita dell'occupazione in modo tale che i media potessero...