VENERDÌ 22 MARZO 2019, 15:38, IN TERRIS


SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
P

otrebbe colpire ancora Ousseynou Sy, l'autista 47enne che, tre giorni fa, ha sequestrato il bus che stava guidando con 51 studenti a bordo, minacciando di fare una strage. Questo quanto affermato dai pm milanesi titolari dell'inchiesta sul rogo al pullman a San Donato Milanese, secondo i quali esiste il pericolo di reiterazione del reato di strage come esigenza cautelare nei confronti del conducente. Sy che, peraltro, non ha mai mostrato finora segni di pentimento, ribadendo anzi, subito dopo l'arresto, che lui quel gesto lo avrebbe rifatto "cento volte". Il suo obiettivo l'uomo lo ha chiarito a più riprese: "Volevo andare a Linate, prendere un aereo per tornare in Africa e usare i bambini come scudo". Lui ha ribadito anche di aver fatto tutto "per l'Africa, perché gli africani restino in Africa e così non ci siano morti in mare", ponendo la vicenda Mare Jonio come l'episodio scatenante. Ora è in carcere nel settore protetti di San Vittore dove, nella notte, la sua cella è stata bersagliata con lancio di uova.


La versione di Sy

L'uomo, di origini senegalesi ma italiano dal 2004, ha spiegato agli inquirenti di aver pensato il gesto già da un po' di tempo, spiegando di voler fare "qualcosa di eclatante" e di non avere intenzione di fare del male ai bambini che aveva sul bus con sé. Una versione che conferma la premeditazione, ipotizzata fin da subito, ma che non convince gli inquirenti sul secondo punto: Sy ha infatti affermato come l'incendio sul mezzo sia stato innescato accidentalmente, quando invece secondo gli investigatori sarebbe stato lui ad appiccare il fuoco, come proverebbe una mano ustionata. Sul bus avrebbe peraltro gridato più volte che da lì non sarebbe uscito vivo nessuno: "Sono un genitore, non volevo fare del male ai bambini, guido il pullman da 25 anni, se avessi voluto fare loro del male lo avrei già fatto".


Gli elementi

Ulteriori dettagli potrebbero emergere dall'interrogatorio di convalida del Gip. I pm tendono a escludere che l'uomo avesse legami con gruppi od organizzazioni, anche se sono al momento alla ricerca di un video-manifesto nel quale il 47enne avrebbe palesato, su Youtube, le sue intenzioni, cercando al contempo di capire se ve ne siano altri. Concordi, invece, sul punto della premeditazione e sulla finalità terroristica, posta come aggravante dalla Procura, che indaga al momento per sequestro di persona, incendio, resistenza e strage.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea Camilleri
ROMA

Camilleri ricoverato in gravi condizioni

Lo scrittore è stato portato al Santo Spirito per un arresto cardiaco, i medici: "Condizioni critiche"
Konduga, il luogo dell'attentato
NIGERIA

Tre attentati suicidi di Boko Haram: decine di morti

Il gruppo fondamentalista ha colpito la città di Konduga, durante la proiezione di una partita
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Francesco Totti in conferenza
ROMA

La verità di Totti: "Lascio ma non per colpa mia"

L'ex capitano spiega le sue ragioni: "Mai coinvolto in un progetto tecnico. Baldini? Uno dei due era di troppo"
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio