Bus contro camion di benzina: 26 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:53

Almeno 26 persone che viaggiavano su un autobus sono morte in seguito allo scontro del mezzo con un camion avvenuto in Pakistan, nella tarda notte di lunedì. Secondo i media locali, i feriti sarebbero almeno 15, alcuni dei quali in gravi condizioni.

Lo schianto

L'incidente è avvenuto nella città di Hub – non distante da Karachi – nel distretto di Lasbela ed era diretto nel Balochistan. Il pullman passeggeri è entrato in collisione frontale con il camion che trasportava carburante (probabilmente di contrabbando). Ne è scaturito un enorme incendio che ha investito sia i mezzi che le persone a bordo.

Per molte delle 26 vittime non è stato possibile il riconoscimento e i resti dovranno essere sottoposti al test del Dna. “I resti dei corpi carbonizzati di ventisei passeggeri sono stati recuperati dal pullman”, ha dichiarato il commissario del distretto di Lasbela, Shabbir Mengal, che ha aggiunto che tra le vittime ci sono anche gli autisti del camion. Il bus viaggiava da Karachi a Panjgur Balochistan e trasportava 40 persone. Solo quattro i sopravvissuti, che sono stati raggiunti dai soccorritori e portati in ospedale a Karachi.

Il precedente

Gli incidenti stradali con molte vittime non sono una rarità in Pakistan, a causa del cattivo stato delle strade, della poca sicurezza dei mezzi spesso sovraffollati e dell'imprudenza dei guidatori. Lo scorso 5 agosto 36 persone avevano perso la vita in due distinti incidenti stradali avvenuti a poche ore i distanza l'uni dall'altro. Il primo era accaduto nel distretto di Nawabshah dove 15 persone erano morte e 25 erano rimaste ferite nello scontro tra un autobus, un furgone e un'auto. Nel secondo incidente, avvenuto nel nord del Paese, a Kohat, un furgone si era scontrato con un'autocisterna, causando la morte di altre 21 persone e il ferimento di 45.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.