VENERDÌ 26 GIUGNO 2015, 001:30, IN TERRIS

BRINDISI, INCENDIO IN UNA VILLA: FERMATO L'AMICO DELLA VITTIMA

Secondo l'accusa i due avevano progettato di dare fuoco all'abitazione, prima di lasciarla, come vendetta nei confronti del proprietatrio

MANUELA PETRINI
BRINDISI, INCENDIO IN UNA VILLA: FERMATO L'AMICO DELLA VITTIMA
BRINDISI, INCENDIO IN UNA VILLA: FERMATO L'AMICO DELLA VITTIMA
Potrebbe esserci una svolta nelle indagini sull'esplosione e sul conseguente incendio che si è sviluppato in una villetta alla periferia di Mesagne (Br) nel quale è deceduto un uomo di 44 anni. Un venticinquenne, Gerolamo Gullace, di origini calabresi è stato sottoposto a fermo come indiziato del delitto, con le accuse di incendio aggravato e morte come conseguenza di un altro reato.

Il fermo è stato disposto dal sostituto procuratore di Brindisi, Valeria Farina Valori, grazie ai risultati delle indagini svolte dalla squadra mobile, che hanno consentito di delineare le vere cause dell'esplosione. Secondo gli uomini delle forze dell'ordine, i due uomini lavoravano come manutentori di distributori in Puglia e hanno alloggiato insieme nella villetta. Il proprietario però gli avrebbe chiesto di lasciare lo stabile e, secondo l'accusa, i due prima di andarsene avrebbero deciso di incendiarla. Dopo aver appiccato le fiamme, i due sarebbero scappati, ma causa dei fumi inalati il 44enne non ce l'ha fatta.

Oltre alle numerosissime contraddizioni in cui è caduto il giovane mentre rispondeva alle domande degli inquirenti, a sostenere la tesi dell'accusa ci sarebbe il ritrovamento di liquido infiammabile all'interno della casa.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"