Numeri del lotto e soldi per la ‘Ndrangheta: maxi operazione a Brescia

Operazione Scarface: 8 arresti e sequestrati beni mobili e immobili per un ammontare complessivo pari a 25 milioni di euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:14

Maxi operazione dei carabinieri di Brescia contro il riciclaggio di denaro sporco. Dalle prime ore dell’alba, 150 militari del Comando Provinciale di Brescia stanno eseguendo in tutto il territorio nazionale una misura cautelare nei confronti di numerose persone.

Numeri del Lotto

I destinatari sono responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio di denaro di provenienza illecita con l’aggravante di aver agevolato l’attività della ‘ndrangheta. I ricavi illeciti scaturirebbero – scrive Agi – tramite delle trasmissioni televisive specializzate nella previsione dei numeri del lotto.

Operazione Scarface

Otto persone sono state arrestate e portate in carcere, sei ai domiciliari e per cinque è scattato l’obbligo di dimora oltre a due misure interdittive. Questi i primi numeri dell’operazione Scarface, coordinata dal sostituto procuratore Ambrogio Cassiani, scrive il Giornale di Brescia.

Contestualmente, i militari stanno eseguendo anche misure patrimoniali con il sequestro di beni mobili e immobili, per un ammontare complessivo pari a 25.000.000 (venticinque milioni) di euro.

In aggiornamento

Il precedente

Dieci anni fa, un’altra operazione venne denominata Scarface. Fu quella eseguita dalla Squadra mobile di Taranto, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Lecce, che portò all’arresto di 46 elementi riconducibili ai clan pugliesi. I soggetti vennero arrestati anch’essi con l’accusa di riciclaggio ed estorsione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.