Neonata con Covid abbandonata in ospedale a Palermo

Una donna avrebbe abbandonato una neonata in ospedale dopo che il tampone Covid aveva riscontrato che la bimba era positiva

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:25

Ha dell’incredibile la storia accaduta a Palermo dove una donna avrebbe abbandonato una neonata in ospedale, dopo che il tampone Covid aveva riscontrato che la bimba era positiva.

Rom

Secondo una prima ricostruzione, la donna – una rom che si era spacciata per la zia – era andata con la bimba in ospedale proprio per fare il tampone. Avuto l’esito del test sulla bimba, che ha 6 mesi di vita, era stata allontanata dall’ospedale per le procedure anti-Covid. Ma poi non è più tornata. La direzione sanitaria aveva cercato di rintracciarla per giorni, senza risultato.

Una seconda donna, anche lei rom, che ha risposto al telefono quando i medici hanno chiamato per dire che la bambina poteva essere dimessa, aveva detto di essere un’altra zia. Positiva al tampone anche lei e ricoverata per qualche giorno insieme con la neonata, si è data alla fuga due giorni fa.

Le ricerche sono affidate alla Polizia che sta visionando le immagini dell’entrata del Pronto soccorso e ha acquisito la documentazione dell’accettazione e sentito medici ed infermieri che sono entrati in contatto con la donna.

Le zie

“I medici hanno tentato per giorni di contattarla – spiega la dottoressa Marilù Furnari, della direzione sanitaria dell’ospedale su La Stampa – Ma non siamo riusciti a raggiungerla. A quel punto abbiamo avvisato le forze dell’ordine del possibile abbandono”.

La procura della Repubblica per i minorenni di Palermo – retta dal procuratore facente funzione Massimo Russo – è al lavoro per verificare lo stato di abbandono e avviare nel caso la procedura di adottabilità. Nel frattempo, la neonata è stata affidata al direttore sanitario in attesa dello sviluppo delle indagini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.