VENERDÌ 23 SETTEMBRE 2016, 12:52, IN TERRIS

AUTO ABBANDONATA, ALLARME AL TERMINAL LA GUARDIA DI NEW YORK

Una macchina lasciata con gli sportelli aperti ha fatto scattare l'allarme sicurezza. Scalo chiuso per un'ora

ANGELO PERFETTI
AUTO ABBANDONATA, ALLARME AL TERMINAL LA GUARDIA DI NEW YORK
AUTO ABBANDONATA, ALLARME AL TERMINAL LA GUARDIA DI NEW YORK
Tensione alle stelle a New York. Evacuato il terminal B dell'aeroporto La Guardia, che è stato chiuso per oltre un'ora dopo che un'auto abbandonata con gli sportelli aperti ha fatto scattare l'allarme sicurezza.  L'autovettura è stata rimossa senza incidenti, riferiscono i media locali, ma la polizia di New York conferma che sta indagando sul veicolo lasciato incustodito presso la zona arrivi dello scalo. E' un piccolo episodio che conferma però come il livello di guardia sia alto, tanto quanto le preoccupazioni.

Crescono intanto gli interrogativi sulle possibili falle dell'Fbi nel prevenire gli attentati a Ny e in New Jersey del presunto sospetto, Ahmad Khan Rahami, che era stato segnalato anche dalla dogana per un suo viaggio in Pakistan prima che il padre lo denunciasse come 'terrorista", riferendo al Federal Bureau of investigation - come ha precisato al Nyt - i suoi interessi per i gruppi terroristici come al Qaida e la sua fascinazione per i video e la musica jihadista.

Nel frattempo spunta la simpatia del giovane americano di origini afghane anche per l'Isis, in particolare per Abu Muhammad al-Adnani, capo della propaganda e "portavoce" dell'Isis, nonche' agitatore dei ''lupi solitari'' che hanno insanguinato l'Europa, ucciso a fine agosto da un drone Usa.

Nel suo taccuino, di cui il Nyt ha ottenuto una copia, Rahami indica il "fratello Adnani" come "guida" e cita la sua indicazione di "colpire gli infedeli nel loro cortile di casa", riecheggiando l'appello lanciato in estate da Adnani a prendere di mira i nemici in qualunque modo e ovunque.

Finora del taccuino gli investigatori avevano lasciato filtrare solo gli apprezzamenti per Osama Bin Laden, l'imam americano-yemenita Anwar al-Awlaki e Nidal Hasan, il maggiore americano autore della strage di Fort Hood, senza alcun riferimento ad Adnani, braccio destro operativo del Califfo al-Baghdadi e coordinatore del terrorismo in Occidente.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Speranza e Bersani
VERSO LE ELEZIONI

Mdp e SI sbattono la porta in faccia al Pd

Fratoianni: "Tempo scaduto". Bersani: "Ci si vede dopo il voto"
Robert Mugabe
ZIMBABWE

Mugabe accetta di dimettersi

Dopo una lunga trattativa con i militari. L'annuncio in televisione in tarda serata
Due scosse avvertite nel Parmense
PARMA

Doppia scossa di terremoto, nessun danno

Il sisma avvertito anche in Liguria, residenti in strada a La Spezia
Un'immagine d'archivio del sottomarino argentino
ARGENTINA

Segnali dal sottomarino scomparso

Registrate sette tentativi di chiamate satellitare. La ricerca continua
La famiglia che ha portato i doni all'offertorio
BASILICA DI SAN PIETRO

"I poveri sono il passaporto per il paradiso"

Il Papa all'Angelus: "Siano sempre al centro delle nostre comunità"
Un senzatetto sulla panchina di un giardino pubblico
USA

Oltre 40,6 milioni di persone vivono in povertà

I tassi più alti si registrano tra gli afro-americani: 24,1%