DOMENICA 28 GIUGNO 2015, 11:15, IN TERRIS

ATTENTATO IN FRANCIA: LE PRIME AMMISSIONI DEL TERRORISTA

Yassin Salhi ha iniziato a raccontare lo svolgimento dei fatti, ma ci sono ancora molte zone d'ombra

AUTORE OSPITE
ATTENTATO IN FRANCIA: LE PRIME AMMISSIONI DEL TERRORISTA
ATTENTATO IN FRANCIA: LE PRIME AMMISSIONI DEL TERRORISTA
Dopo ore di interrogatorio, Yassin Salhi ha rotto il suo lungo silenzio. La scorsa notte l'uomo fermato dopo l'attacco all'azienda di gas di Saint-Quentin-Fallaviern, nell'Isere, in Francia, e principale imputato nella decapitazione del suo padrone di lavoro, ha iniziato a parlare con gli investigatori. Lo rivela BFM TV, citando una fonte prossima alle indagini, secondo la quale l'uomo "ha cominciato a raccontare come si sono svolti i fatti". In giornata Salhi sarà trasferito nella sede dell'antiterrorismo a Parigi.

Il Canada sta collaborando con gli investigatori francesi, per cercare di rintracciare il destinatario del numero di cellulare a cui Salhi ha inviato via WhatsApp il selfie che si è scattato con la testa mozzata della sua vittima. Gli inquirenti stanno però verificando l'esistenza di un collegamento con la Siria. Secondo gli ultimi dati raccolti dall'intelligence transalpina, sarebbero almeno 473 i cittadini francesi che combattono a fianco dell'Is in Siria ed Iraq.

Anche secondo il canale ITelevision nelle dichiarazioni di Salhi ci sono ancora "molte zone d'ombra". Il quotidiano Le Parisien ha intervistato Sebastien, l'ex insegnante di educazione fisica del sospettato. Sebastien ha raccontato che Salhi gli ha confidato un giorno di essere stato in Siria per sei mesi tra il 2010 e il 2011, durante i quali avrebbe studiato in una scuola coranica.

Salhi - che non aveva precedenti penali - era stato schedato nel 2006 dai servizi di sicurezza francese in quanto ritenuto vicino al movimento salafita, ma successivamente la sua sorveglianza era stata interrotta. Le autorità francesi hanno comunque reso noto di aver  proclamato il massimo livello di allerta in tutto il dipartimento delle Rhone-Alpes.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Scontri nei pressi di Betlemme
SCONTRI A GAZA

Hamas: "L'Intifada continui"

In una nota la Santa Sede esprime dolore per gli scontri che negli ultimi giorni hanno mietuto vittime
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Proteste anti-americane a Beirut
GERUSALEMME CAPITALE

Scontri davanti ambasciata Usa a Beirut

Proteste anche in Svezia e in Indonesia