Assalto No Tav contro Eataly

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:22

Attimi di paura nei locali di Eataly di piazza XXV Aprile, a Milano. Nel primo pomeriggio una cinquantina di attivisti con le bandiere dei No Tav hanno fatto irruzione urlando slogan contro l'alternanza scuola-lavoro.

“Studiare e lavorare, questo è il ricatto. Basta basta basta, è l'ora del riscatto”, è ritornello stanco che rimbomba nelle orecchie dei clienti. Secondo quanto riporta Il Giornale, era presenti contestatori anche di 14 o 15 anni. Sono state urlate accuse contro Oscar Farinetti, fondatore di Eataly, e del Partito Democratico. Il blitz sarebbe durato almeno 40 minuti.

“Un cameriere ha provato a bloccarli, ma il loro leader lo ha spintonato via brutalmente”, racconta a Il Giornale Marco Gregoretti, giornalista della trasmissione di Rete4 “Quarto Grado”.

La catena fondata da Farinetti era finita nel mirino degli antagonisti di sinistra già nei giorni scorsi. Il collettivo Hobo, a Bologna, aveva organizzato un presidio sotto i locali di Eataly per denunciare lo sfruttamento dei lavoratori. “Farinetti e il Pd ingrassano mentre i lavoratori e gli studenti s’impoveriscono”, si legge in una nota di Hobo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.