SABATO 04 LUGLIO 2015, 19:20, IN TERRIS

ASSALTO DEI MIGRANTI AL TUNNEL DELLA MANICA

Dan Cook, dirigente di Europa Worldwide, ditta di trasporti e logistica, ha descritto alla BBC una situazione fuori controllo sulle strade francesi nei dintorni di Calais

FABRIZIO GENTILE
ASSALTO DEI MIGRANTI AL TUNNEL DELLA MANICA
ASSALTO DEI MIGRANTI AL TUNNEL DELLA MANICA
Circa 150 migranti hanno cercato di assaltare il tunnel sotto la Manica dal lato francese, a Calais, provocando ritardi sia al servizio passeggeri che a quello merci. Lo riferisce la Bbc. Gli immigrati sarebbero penetrati nelle aree protette del terminal francese durante la notte. Eurotunnel, la società che gestisce l'infrastruttura, ha chiesto "azioni immediate da parte delle autorità".

I problemi sono iniziati alle 10:30 della mattina, anche se già nella notte i migranti - stando a quanto dichiarato alla BBC da un portavoce dell'Eurotunnel - si erano ammassati nei pressi del terminal. Poi la sortita. Che ha provocato cancellazioni, sulle prime, solo al servizio commerciale. In seguito, pero', un non meglio specificato "problema tecnico" ha coinvolto - come spiega SkyNews - anche il servizio passeggeri, con ritardi fino a 90 minuti. Abbastanza per provocare una netta reazione da parte della societa' che gestisce la cruciale infrastruttura, che ha chiesto "azioni immediate da parte delle autorita' per proteggere il tunnel".

"Non si fa abbastanza - ha detto un portavoce - per fermare i migranti". Dan Cook, dirigente di Europa Worldwide, ditta di trasporti e logistica, ha descritto alla BBC una situazione fuori controllo sulle strade francesi nei dintorni di Calais, dove i migranti cercano in ogni modo di procurarsi un 'passaggio' dall'altra parte della Manica. "Qui - dice - non si tratta di casi sporadici in strade secondarie di notte, ma di bande di predoni, per essere espliciti, che in piena luce e in autostrada si arrampicano sui rimorchi o forzano i portelloni. E senza nessun intervento da parte della polizia".

Il problema - reso sempre piu' stringente dai circa 50 arrivi giornalieri nel campo di accoglienza di Calais, dove ormai vivono oltre 3mila persone - e' tanto acuto che il ministero degli Esteri britannico ha di recente diramato un'allerta ai viaggiatori che tornano a casa, intimando loro di tenere chiusi i finestrini e gli sportelli dei veicoli. Lo sciopero dichiarato lunedi' scorso dai lavoratori della compagnia di traghetti MyFerryLink contro possibili esuberi non ha fatto altro che aumentare in settimana la pressione sul tunnel della Manica. La compagnia marittima ha comunque precisato che il servizio oggi e' regolare.

Per fronteggiare l'emergenza, la Francia e la Gran Bretagna hanno deciso di istituire a settembre un fondo di 5 milioni di euro annui e rinforzare la sicurezza nei pressi del porto e dell'ingresso dell'Eurotunnel.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"