Lecce. Arrestato il presunto omicida dei fidanzati

Il procuratore di Lecce ha fissato una conferenza stampa alle 22.30 presso il Comando Provinciale dei Carabinieri.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:49
L'arbitro salentino Daniele De Santis- Fonte: ANSA

Sembra ci sia una svolta nelle indagini del caso dei fidanzati Eleonora Manta e Daniele De Santis, uccisi la sera del 21 settembre scorso a Lecce.  Il Procuratore di Lecce ha fissato una conferenza stampa alle 22.30 presso il Comando Provinciale dei Carabinieri durante la quale è stato rivelato il nome presunto assassino che è stato arrestato: Antonio De Marco. E’ un giovane di 21 anni, conoscente della coppia

Gli elementi raccolti

Gli investigatori hanno disposto ascolti, perquisizioni e acquisizioni. Stanno esplorando tutti gli aspetti dell’attività lavorativa della coppia uccisa, sia quella pregressa che l’attuale . Infatti, sono stati acquisiti tutti i contratti di affitto relativi a quando l’appartamento  veniva utilizzato  dall’arbitro salentino come una Guest house, con le camere affittate agli universitari, prima di essere ristrutturato per diventare la casa in cui la coppia si era trasferita proprio il giorno del massacro.

Il Ris di Roma è stato incaricato  di analizzare tutte le tracce organiche reperite dagli investigatori dell’Arma dei carabinieri di Lecce: il biglietto strappato intriso di sangue rinvenuto nell’area esterna della palazzina di via Montello su cui il presunto omicida avrebbe disegnato il percorso da seguire per non essere ripreso dalle telecamere, i campioni prelevati durante l’autopsia sotto le unghie delle due vittime, i file scaricati dai pc e cellulari di Daniele ed Eleonora e altro materiale biologico e non, repertato all’interno dell’appartamento.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.