Arrestato a Foggia il quarto presunto omicida

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:06

E' stato arrestato anche il quarto presunto assassino della banda che ha drogato, violentato e poi ucciso Desiree in un palazzo occupato nel quartire di San Lorenzo, a Roma. L'arresto, eseguito dalla Squadra mobile di Foggia, è avvenuto nei pressi del campo di Borgo Mezzanone, alla periferia di Foggia. Sarebbe un cittadino del Gambia e ora la sua posizione è al vaglio degli inquirenti. “Catturato a Foggia il quarto uomo che avrebbe sturpato e portato alla morte di Desiree. Si tratta (guarda caso) di un immigrato clandestino. Per lui, come per gli altri tre, carcere duro e a casa! – ha commentato il ministro dell'Interno Matteo Salvini su Twitter – ringrazio la procura e le forze dell'ordine per la rapidità e l'efficacia”. 

Domani interrogatorio per gli altri tre

Nel frattempo, sono stati fissati per domani mattina, nel carcere di Regina Coeli, gli interrogatori di convalida e garanzia per i tre fermati a Roma in relazione all'omicidio di Desiree. L'atto istruttorio si svolgerà davanti al gip Maria Paola Tomaselli. Nei loro confronti la Procura contesta i reati di omicidio, violenza sessuale e cessione di stupefacenti

Chi sono i quattro presunti omicidi

Dell'ultimo uomo fermato, le forze dell'ordine non hanno ancora diffuso nessun dato anagrafico. Gli altri sono due senegalesi (Mamadou Gara e Brian Minteh, rispettivamente di 27 e 43 anni), il terzo è di nazionalità nigeriana (Alinno Chima, 46 anni). Secondo quanto si è appreso, tutti sarebbero irregolari e con precedenti per spaccio. I loro arresti sono stati possibili grazie alle testimonianze raccolte nel palazzo dove si è verificato il crimine. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.