DOMENICA 20 SETTEMBRE 2015, 002:30, IN TERRIS

ANTIMAFIA: ARRESTATI DUE BOSS DI CAMORRA E 'NDRANGHETA

Elia è reggente dell'omonimo clan camorristico napoletano. Barbaro è l’esecutore materiale dell’omicidio del brigadiere Marino, ucciso nel 1990

MILENA CASTIGLI
ANTIMAFIA: ARRESTATI DUE BOSS DI CAMORRA E 'NDRANGHETA
ANTIMAFIA: ARRESTATI DUE BOSS DI CAMORRA E 'NDRANGHETA
Colpo grosso delle forze dell’ordine nella lotta alla malavita: nel giro di poche ore sono stati arrestati un boss della camorra e uno della ’ndrangheta in due distinte località. Sabato mattina i carabinieri della compagnia Napoli centro hanno arrestato Antonio Elia, 49 anni, ritenuto il reggente dell'omonimo clan camorristico storicamente attivo nella zona del Pallonetto di Santa Lucia, nel capoluogo campano. Militari in borghese, passando sotto l'abitazione di Elia (sottoposto a libertà vigilata), attraverso la porta socchiusa di un locale sotterraneo hanno notato all'interno alcune persone. Scesi per controllare, si sono imbattuti nello stesso Elia che li ha bloccati allo scopo di consentire a un complice di scappare.

Nel corso di un inseguimento a piedi, il fuggitivo è riuscito a dileguarsi lanciando durante la corsa una busta di plastica al cui interno i carabinieri hanno rinvenuto circa 40 grammi di marijuana già suddivisa in dosi. Perquisendo il locale, all'interno di un'intercapedine nelle pareti sono stati recuperati tre panetti di hashish da 100 grammi ciascuno e 100 grammi di marijuana ancora da preparare in dosi. In un'altra intercapedine è stata sequestrata una pistola semiautomatica Beretta calibro 7,65 con il serbatoio carico e il colpo in canna. Elia, attualmente in libertà vigilata, è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale per resistenza a pubblico ufficiale e concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini sono in corso per l'identificazione del complice, mentre l'arma è stata inviata al Ris per i necessari accertamenti balistici.

Sempre l’Arma è stata protagonista del secondo arresto. Si tratta del boss 88enne della 'ndrangheta Francesco Barbaro detto ‘U Castanu, accusato di essere stato l'esecutore materiale dell'omicidio del brigadiere dei carabinieri Antonino Marino, ucciso a Bovalino il 9 settembre del 1990. L’ottuagenario è stato arrestato a Platì in esecuzione di un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dall'ufficio esecuzioni penali della Procura generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria.

Impegnato principalmente nel contrasto alla ‘ndrangheta, il Brigadiere Marino resse per molti anni il comando della Stazione Carabinieri di Platì svolgendo numerose indagini su traffici illeciti e sui numerosi sequestri di persona che in quegli anni rappresentavano una delle principali attività criminali della zona, contribuendo ad assicurare alla giustizia diversi esponenti della malavita. Il 9 settembre 1990, il Brigadiere, mentre si trovava a Bovalino Superiore con la propria famiglia in occasione della festa patronale, fu avvicinato da un killer, il quale, approfittando della confusione che regnava in paese e della concomitante esecuzione di uno spettacolo pirotecnico, gli esplose contro una decina di colpi di pistola, dileguandosi poi nel buio. Nell’agguato furono colpiti oltre al sottufficiale, all’epoca trentenne, anche la moglie incinta e il figlio Francesco di 1 anno, oggi Tenente nell’Arma dei Carabinieri. Barbaro dovrà scontare l'ergastolo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs