Alpinisti italiani travolti da una valanga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:23

Non ci sono vittime fra gli alpinisti italiani che partecipavano alla spedizione di 7 persone (3 erano pachistani) travolta da una valanga in Pakistan. 

L'incidente

L'ambasciata italiana nel Paese asiatico, che si è subito attivata, ha ricevuto la notizia che è morto uno dei tre pachistani che facevano parte della spedizione assieme a quattro italiani. Nell'incidente sarebbe rimasto ferito il capo spedizione, Tarcisio Bellò. Gli altri alpinisti italiani impegnati nella scalata erano David Bergamin, Luca Morellato e Tino Toldo.  L'incidente è avvenuto nelle prime ore del mattino, a quota 5.300 metri. L'esercito pachistano sta organizzando una missione di soccorso che però non partirà  prima di domani a causa delle condizioni meteo e della lontananza della base dal luogo dell'incidente

Il bollettino

“Le abbondanti nevicate ci hanno messo a dura prova sia nell’estenuante fatica di batter traccia, sia nel scegliere orari adatti ad evitare le possibili slavine da insolazione – si leggeva ieri nel bollettino della spedizione pubblicato su Facebook -. Un paio di volte abbiamo ripiegato per non rischiare, come ieri che immersi nella nebbia più totale, bianco sotto bianco attorno, ci siamo arresi e lasciato una corda e altre attrezzature tecniche nel ghiacciaio. Due ore dopo è apparso il sole e una enorme slavinaha sepolto le nostre attrezzature coinvolgendo solo in parte la nostra traccia. Segno che avevamo scelto bene il percorso, ma non possiamo permetterci altri errori”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.