Alluvioni a Sydney e incendi nel Queensland

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:24

Continua l'ondata di “folle” maltempo che ha colpito l'Australia, con precipitazioni record a Sydney e temperature elevate nel Queensland , dove la siccità ha causato vasti incendi. Le piogge torrenziali che si sono abbattute sulla capitale del Nuovo Galles hanno portato l'equivalente di un mese di precipitazioni in sole due ore. Venti devastanti, una potente tempesta di sabbia e forti nevicate in montagna, hanno colpito l'Australia tutti nello stesso momento. 

La situazione a Sydney…

Al momento, le alluvioni che si sono verificate a Sydney hanno provocato due vittime, inoltre, due poliziotti sono rimasti feriti per la caduta di un albeero mentre cercavano di aiutare altre persone durante la tempesta. Le precipitazioni totali sono state comprese tra 50 e 100 mm in tutta la città. L'Australian Bureau of Meteorology ha riportato che è stato il giorno di novembre più piovoso dal 1984. Inoltre, come riporta il sito online meteoweb.eu, i forti venti che hanno accompagnato a tempesta hanno causato oltre 8.000 blackout. Difficoltà anche negli aeroporti con oltre 130 voli cancellati o rimandati. 

… e quella nel Queensland

E mentre Sydney viene flagellata dalle piogge, lo stato del Queensland sta affrontando un periodo di forte siccità che ha causato oltre 100 grandi incendi boschivi. Cittadine evacuate, scuole chiuse, case distrutte, la principale autostrada interrotta e decine di migliaia di ettari di foresta inceneriti, sono finora il bilancio dell'ondata di incendi, alimentati da livelli di umidità eccezionalmente bassi, forti venti dall'entroterra e temperature fino a 45 gradi.  Il Bureau di meteorologia prevede che l'ondata di forte caldo, partita nel nord dello stato, continuerà ad avanzare verso sud nei prossimi giorni.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.