Aggressione con roncola, arrestato romeno 17enne

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21

Sangue in Valle d'Aosta. Un uomo di 47 anni è stato ricoverato in prognosi riservata con una ferita alla testa. Si trova ora in rianimazione all'Ospedale Regionale “Umberto Parini” di Aosta. L'uomo è stato colpito brutalmente da un cittadino romeno di 17 anni che, ubriaco, si è scagliato armato di una roncola contro i presenti ad una manifestazione locale senza un apparente motivo. L'aggressore è stato arrestato dal comando di carabinieri della zona.

La dinamica

La vittima, trovandosi testimone della scena, ha deciso di intervenire ed ha provato a fermare e a disarmare l'assalitore, rimediando tagli profondissimi che hanno determinato la necessità dell'intervento di un elicottero per trasportarlo urgentemente all'ospedale del capoluogo. L'episodio è avvenuto a Estoul, frazione del comune di Brusson, in Val d'Ayas. Una località nota per gli impianti sciistici dove l'aggressore lavorava come allevatore per la stagione estiva in un alpeggio del luogo. Il diciassettene si trova attualmente nel carcere minorile “Ferrante Aporti” di Torino in attesa che il suo arresto venga convalidato. La vittima, invece, che si trovava sul luogo per assistere alla 'Bataille de Reines', tradizionale spettacolo di combattimento tra bovini che avviene nelle regioni alpine, è stata costretta a subire un intervento chirurgico dopo aver perso moltissimo sangue e si trova in rianimazione all'ospedale “Parini”. L'evento folcloristico attira ogni anno moltissimi spettatori, si tratta di una tradizione locale che va al di là della competizione agonistica. L'allevamento bovino in quest'area è uno degli assi trainanti dell'economia locale.

Reati

Da uno studio dell'Istat sull'incidenza dei reati la Valle d'Aosta è una delle regioni generalmente meno pericolose d'Italia. Soltanto il Trentino e la Basilicata, infatti, registrano una percentuale di atti criminosi, rapportati alla popolazione, più bassa rispetto a quella della regione a confine con la Francia. Nel 2016 sono state appena 4035 le denunce fatte nella provincia di Aosta su una popolazione di 128.298 persone.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.