MERCOLEDÌ 18 SETTEMBRE 2019, 11:28, IN TERRIS


MILANO

Aggredisce militare e grida "Allah Akbar": "Volevo essere ucciso"

Espulso dalla Germania, non risulterebbero legami con il terrorismo. L'uomo, irregolare in Italia, è yemenita

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La stazione Centrale di Milano
La stazione Centrale di Milano
V

oleva solo farla finita. La jihad, la guerra santa contro gli infedeli, e il terrorismo non c'entrerebbero nulla con il gesto compiuto ieri da Mahamad Fathe. L'uomo, 23 anni, proveniente dallo Yemen e irregolare nel nostro paese senza fissa dimora, la mattina di martedì 17 settembre ha aggredito in militare a Milano e quando stato fermato dagli agenti avrebbe anche gridato "Allah Akbar". Di fronte agli inquirenti avrebbe poi ammesso che il suo intento era quello di farsi uccidere dopo l'attacco, perché non sopportava più di vivere in quelle condizioni. Per lui adesso potrebbero aprirsi le porte del carcere. Il giovane, arrivato in Italia dopo essere stato espulso dalla Germania, secondo le autorità tedesche avrebbe avuto "simpatie islamiste", ma secondo gli investigatori la segnalazione sarebbe stata generica e non supportata da indizi o inchieste.


"Farla finita"

L'aggressione in Piazza Duca d'Aosta, lo slargo antistante il principale scalo ferroviario meneghino, è avvenuta pcoo prima delle 11 di mattina. Fathe si sarebbe scagliato contro il militare, Matteo Toia, impegnato nell'operazione "Strade sicure" e lo avrebbe colpito due volte, una al collo e una alla schiena, ferendolo anche se in modo non grave. Dopo, lo yemenita sia sarebbe dato alla fuga ma a fermarlo ci avrebbe pensato - secondo MilanoToday - un passante, un senegalese di mezza età con regolare permesso di soggiorno. In quel frangente il ragazzo avrebbe gridato "Allah Akbar", forse per spaventarlo. L'intervento ha poi consentito ai carabinieri del Reggimento Lombardia di raggiungere e portar via Fathe. Il 23enne, di fronte al pubblico ministero Alberto Nobili, avrebbe ammesso che in realtà cercava soltanto la morte per sé: "Ero stanco di questa vita, l'unico modo per farla finita era con questo gesto. Volevo essere ucciso per raggiungere il paradiso di Allah". Il ferito è stato ricoverato all'ospedale Fatebenefratelli 


Capi d'accusa

Alla luce delle recenti affermazioni, il giudice per le indagini preliminari dovrà decidere se convalidare o meno la richiesta di convalida dell'arresto e di custodia cautelare in carcere per Fathe. Le accuse che lo riguardano sono quelle di tentato omicidio aggravato dalle finalità terroristiche e di violenza a pubblico ufficiale. Fathe era arrivato in Germania dall'Italia, poi a luglio era stato rimpatriato nel nostro paese e le autorità tedesche avrebbero comunicato a quelle italiane che l'uomo sarebbe stato un simpatizzante dell'Islam. Secondo gli inquirenti però, le indicazioni ricevute erano vaghe, incomplete e non supportate da elementi che facessero pensare a un'eventuale adesione all'Isis.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Il libro di don Aldo Buonaiuto,
SASSOFERRATO | ANCONA

Halloween: un viaggio nel mondo nell'occulto

L'incontro tenuto da don Aldo Buoniauto presso la parrocchia di san Facondino
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Pini domestici
EMERGENZA ECOLOGICA

Piano del Campidoglio per le periferie green

In Italia 31 metri quadri di verde a cittadino. Piantare alberi è tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo...
Sampdoria-Roma 0-0. Nicolò Zaniolo contrastato da Bertolacci - Foto © Twitter
SERIE A

Ranieri, buona la prima: la Roma sbatte sulla Samp

Pareggio a reti bianche a Marassi. Il Genoa crolla col Parma, l'Inter soffre ma stende il Sassuolo
Maker Faire Rome
SVILUPPO

Enea, verdure spaziali e hi-tech anti-zanzare

Alla rassegna romana degli inventori 4.0 le ultime scoperte dell’ente pubblico di ricerca