Accoltellamento a L'Aja, feriti tre minori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:24

Non erano trascorse che poche ore dall'attacco all'arma bianca costato la vita a due persone, sul London Bridge di Londra, che l'incubo del terrorismo aveva già avuto la sua eco anche sul continente: tre persone, infatti, sono rimaste ferite nell'ambito di un'aggressione del tutto speculare a quella avvenuta nel Regno Unito, andata in scena però nella Grote Markstraat dell'Aja, nei Paesi Bassi. La notizia, rimbalzata dai media olandesi, è stata poi confermata dalla Polizia, la quale ha paralato di tre minorenni accoltellati nella grande via dello shopping: delle loro condizioni al momento non si sa nulla, poiché le forze dell'ordine, pur dicendosi in contatto con le famiglie, stanno mantenendo il più stretto riserbo, vista la giovane età dei feriti.

#show_tweet#

L'attacco

Secondo quanto riferito dai media locali, tutto si sarebbe consumato in pochi attimi lungo la grande via commerciale dell'Aja, particolarmente affollata nel giorno del Black Friday. Il ferimento sarebbe avvenuto davanti al centro commerciale Hutsons Bay, dove alcune immagini hanno ripreso delle persone ferite a terra, successivamente soccorse dalle ambulanze. Stando a quanto riportato finora, la Polizia sarebbe alla ricerca di un uomo di circa 45 anni, di carnagione scura, con indosso una tuta da jogging grigia, un giacchetto nero e una sciarpa. Secondo i testimoni, l'uomo avrebbe agito repentinamente, scegliendo a caso le proprie vittime, volatilizzandosi poi fra la folla subito dopo l'attacco a colpi di coltello. Più o meno quanto avvenne a maggio 2018, sempre nella città olandese, quando un uomo, identificato come uno squilibrato, aveva ferito alcuni passanti. Al momento, la Polizia non ha reso noto se possa trattarsi o meno di un atto terroristico, disponendo l'interdizione dell'area della Grote Markstraat e invitando la cittadinanza a evitare quella zona per scongiurare ulteriori rischi e agevolare le ricerche.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.