Abbandonava anziani in casa di riposo: 1 arresto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:42

Lasciava a loro stessi, nell'incuria e nel pericolo, gli anziani che aveva in cura. Gli agenti della squadra mobile di Ragusa e del commissariato di Vittoria hanno arrestato stamani il titolare di una casa di riposo che ospitava 6 anziani: 5 donne e un uomo. L'uomo,  un 40enne di Vittoria, è accusato di abbandono di incapaci, maltrattamenti, lesioni e sequestro di persona.

Le urla

I poliziotti, arrivati nella casa di riposo ed entrati nella struttura grazie all'intervento dei Vigili del Fuoco, hanno trovato una donna in età avanzata per terra ferita e incapace di rialzarsi. Dalla ricostruzione è emerso che l'anziana si era alzata per andare in bagno ma, essendo malferma, è caduta per  terra, procurandosi lesioni guaribili in oltre 30 giorni, e non è riuscita a rialzarsi da sola. La signora è così dovuta rimanere per ore a terra fino a quando i vicini, alle due di notte, hanno sentito le sue urla e hanno allertato la polizia: “Per favore – avrebbero detto al telefono – venite ad aiutarci, si sentono grida strazianti provenire da una casa di riposo!”. 

Gli inquirenti sono rimasti nella struttura 5 ore per rintracciare i parenti e il proprietario, poi arrestato. Dalle indagini è emerso come il titolare abbandonasse le donne e l'uomo a loro stessi da quando aveva licenziato un'operatrice. Invece di dare assistenza per 24 ore – come da contratto coi parenti degli accolti – abbandonava persone incapaci per non assumere una dipendente.

I poliziotti hanno trovato le donne chiuse a chiave in stanza e la porta della casa di riposo chiusa dall'esterno per “paura che scappassero – ha riportato una badante ascoltata come testimone – e si facessero male”. Un'altra anziana, malata di Alzheimer, è stata trovata chiusa in un bagno.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.