A fuoco capannone di rifiuti: pericolo nube tossica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:12

E' scoppiato ieri sera intorno alle 20.30 il vasto incendio in un capanonne di rifiuti, nell'area nord di Milano, in via Dante Chiasserini, in zona Bovisacca, vicino a Quarto Oggiaro. Sul posto sono intervenuti 13 mezzi dei vigili del fuoco e, anche se le fiamme non sono ancora state domate, non ci sarebbero rischi per le abitazioni vicine. Le autorità, però, hanno invitato a non aprire le finestre delle loro abitazioni. La ditta coinvolta è la Ipb srl, azienda che si occupa dello stoccaggio rifiuti e lavorazione inerti. Con quello divampato ieri sera, sala a 17 il numero di incendi che riguarda depositi del genere da inizio 2018 in Lombardia. 

Un ferito

Nell'incendio, è rimasto fortuitamente coinvolto un 49enne che ha riportato un leggero trauma ed è stato trasportato all'ospedale Sacco in codice verde. L'area nella quale è divampato il rogo, seppur inserita in un quartiere di tipo residenziale, è di tipo industriale e non c'erano sicuramente molte persone quando è iniziato l'incendio. 

Comune: tenere ancora chiuse le finestre

“Visto il vento debole e costante e le prime rivelazioni di Arpa, fatto insieme il punto alle ore 1.15 del 15 ottobre con Ats. Arpa, e VVFF, si decide di confermare ai cittadini a titolo preventivo la precauzione di tenere chiuse le finestre per tutto il tempo dell'incendio fino al suo spegnimento – si legge in una nota diffusa da Marco Grinelli, assessore alla Mobilità e all'ambiente del Comune di Milano – In particolare le vie Chiasserini dal Ponte verso via Porretta, via Porretta, via Castellammare, via Arturo Graf, via Perini, via Eritrea. Si prevede che l'incendio durerà per tutta la giornata di lunedì 15 ottobre“. 

 

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.