“Siamo all’inferno”. Ucraina, posti di lavoro in agricoltura e aiuti ai bambini

Gara di solidarietà verso i profughi. SOS Villaggi dei Bambini è presente in Ucraina dal 2003. Darya Kasyanova è responsabile dei programmi di sostegno all'infanzia nel paese invaso dai russi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Ucraina

Gara di solidarietà per aiutare chi è costretto a lasciare l’Ucraina. Il mondo agricolo del Tarantino offre lavoro e casa ai profughi. Un’occupazione e un tetto agli ucraini in fuga dalla guerra. Con la disponibilità ad “attivare un tavolo di accoglienza“. Attraverso il coinvolgimento delle parti sociali. E delle aziende agricole pronte a “dare occupazione ai profughi ucraini”. Che con i corridoi umanitari “stanno giungendo nel nostro territorio“. Un’intenzione manifestata oggi una lettera al prefetto di Taranto, Demetrio Martino. L’offerta è avanzata dall’ente bilaterale agricolo Faila Ebat. Costituito da Cia agricoltori, Flai Cgil, Coldiretti, Fai Cisl, Confagricoltura e Uila.

Ucraina
Il bombardamento a Sumy

Infanzia Ucraina

SOS Villaggi dei Bambini è presente in Ucraina dal 2003. Darya Kasyanova è responsabile dei programmi di sostegno all’infanzia nel paese invaso dai russi. “Le persone stanno rischiando la propria vita- racconta-. L’evacuazione dalle zone a rischio avviene spesso durante i bombardamenti. Non esiste, di fatto, un corridoio umanitario. Le persone si nascondono negli scantinati senza riscaldamento. Le madri non possono allattare i bimbi perché molte hanno iniziato a perdere il latte. Come SOS Villaggi dei Bambini non ci fermiamo. Continueremo a coordinare il trasferimento delle famiglie affidatarie dal Paese verso luoghi più sicuri”.Ucraina

Evacuare i bambini

Darya Kasyanova ha studiato economia sociale e demografia. In precedenza aveva lavorato come docente universitario. Descrive la straziante situazione in Ucraina. Racconta gli sforzi per evacuare quanti più bambini possibile. Il numero di bambini che vivono in queste regioni è di circa 4 milioni. All’interno di queste regioni, circa 1,5 milioni di bambini vivono in hotspot. Cioè città e paesi che sono bloccati al momento. Come Irpin. Mariupol. Bucha. Hostomel. Stanytsia Luhanska. Sievierdonetsk. Starobilsk. Popasna e altri. Alcuni istituti pubblici nelle regioni di Luhansk e Donetsk sono riusciti a evacuare i bambini nell’Ucraina occidentale. Attualmente, ci sono grossi problemi con l’evacuazione dei bambini nelle regioni di Zaporizhia. Kharkiv. Mykolaiv. Sumy. Kherson. Zhytomyr. Chernihiv. Non ci sono statistiche esatte. Poiché ogni giorno compaiono nuovi hotspot.Ucraina

Dialogo

“Monitoriamo costantemente la situazione dei bambini negli istituti- evidenzia Darya Kasyanova-. Proprio sabato siamo riusciti a portare fuori circa 150 bambini da quattro strutture a Kharkiv. Hanno un’età compresa tra zero e tre anni. Il personale inizialmente non voleva andarsene. E l’evacuazione dei bambini senza di loro è illegale. Dopo tre giorni di dialogo siamo riusciti a convincerli. Le persone che stanno sostenendo le evacuazioni stanno rischiando la propria vita. Perché l’evacuazione dalle zone a rischio avviene spesso durante i bombardamenti. Ci sono stati casi in cui sono iniziati esattamente al momento dell’evacuazione“.Ucraina

Rischio di evacuare

“Da un lato si rischia di essere isolati in un Paese o in una città. Totalmente bloccati. E lasciati senza elettricità. Senza accesso ai medicinali. Senza riscaldamento- sottolinea Darya Kasyanova-. D’altra parte si corre il rischio di evacuare mettendo a repentaglio la propria vita. Sappiamo di una struttura che ospita circa 50 bambini a Vorzel. Vicino a Kiev. E’ stata isolata per circa cinque giorni. Nessuno sa cosa sta succedendo lì. Nessuno ha accesso. Avevamo contatti con i volontari e il direttore. Ma ora non hanno una connessione telefonica. E l’accesso fisico è bloccato. Monitoriamo la situazione. Attraverso la nostra rete. E insieme al Commissario per i diritti dei bambini.

Ucraina
Kiev 27/02/2022 – guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: bombardamenti ONLY ITALY

Diritti dei minori

“Ho scritto una lettera al Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia. Chiedendo l’apertura di un corridoio umanitario- evidenzia Darya Kasyanova-. Ciò è stato facilitato dai nostri colleghi di Advocacy. Hanno bussato a tutte le porte per far discutere questo argomento dal Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia. Sono in corso di negoziazione corridoi umanitari tra il governo ucraino e la Federazione russa. Informalmente c’è un accordo per avere dei corridoi. Ma non funzionano.Ucraina

Senza corridoi umanitari

“C’è stato un tentativo di un corridoio umanitario da Mariupol. Ma nessuno è riuscito a uscire- riferisce Darya Kasyanova -. Le forze russe stanno aprendo il fuoco contro autobus pieni di persone. O su persone che camminano durante l’evacuazione. Tutto questo sta accadendo sotto i bombardamenti. Non esiste, di fatto, un corridoio umanitario. Quindi, le persone se ne vanno da sole. Portando con sé solo ciò che possono portare. I soldati ucraini li aiutano a trasportare bambini. O coloro che non possono muoversi. Domenica una famiglia con due bambini è morta durante un’evacuazione a Irpin. Stavano per attraversare un ponte. Dove i soldati ucraini stavano aiutando la gente. In quel momento è stato aperto il fuoco. Due bambini sono morti. Questo è ciò che succede durante l’evacuazione”.

Ucraina
Donetsk 24/02/2022 – guerra in Ucraina / foto Imago/Image nella foto: evacuazione popolazione ONLY ITALY

Rischi

Prosegue Darya Kasyanova: “Ci sono rischi di morire non solo per i proiettili. Ma per la fame e il congelamento. Questo è esattamente il motivo per cui abbiamo urgente bisogno di corridoi umanitari funzionanti. Le persone si nascondono negli scantinati senza riscaldamento. Ci sono scantinati con centinaia di bambini. Le loro madri non possono allattarli perché molti hanno iniziato a perdere il latte. Non possono dargli latte artificiale perché non è disponibile. Ciò significa che molti bambini corrono un serio rischio di morire di fame. Nel seminterrato dove ero io avevamo dell’acqua e del pane. Ora non puoi comprare nulla. I negozi non funzionano più nei paesi e nelle città bloccate. Il cibo è un problema. Non c’è riscaldamento e la temperatura di notte era di -8C°. Non c’è elettricità nelle città bloccate, le persone non possono caricare i loro telefoni. Non possono più utilizzare i generatori perché non c’è carburante per farli funzionare. Ci sono molti bambini tra le persone negli scantinati“.Ucraina

SOS Villaggi dei Bambini

“Ci stiamo concentrando sulla risposta nelle aree in cui sono presenti la maggior parte degli sfollati interni provenienti dalle regioni più colpite dell’Ucraina- assicura Darya Kasyanova-. Continueremo a coordinare il trasferimento delle famiglie affidatarie dal Paese verso luoghi più sicuri. Una delle sfide più grande è supportare il nostro personale. Hanno bisogno di supporto psicologico per poter continuare a lavorare. Altrimenti li perderemo. I team di Olena Kripak, direttrice del Programma della regione di Kiev, e Lyudmila Kharchenko, Direttrice del Programma della regione di Lugansk, hanno svolto un lavoro straordinario. Hanno fatto molti sforzi per persuadere le famiglie affidatarie che supportiamo a trasferirsi prima dell’inizio della guerra. Ora è il momento di concentrare il nostro supporto sul nostro personale. In modo che possano continuare a lavorare“.Ucraina

Senza cure familiari

Aggiunge Darya Kasyanova: “Dal 2007 il mio lavoro è rivolto alle problematiche dei bambini senza cure familiari, alla tutela dei loro diritti e in generale ai diritti del bambino alla famiglia. Come Responsabile programmi, ho il compito di garantire la qualità dei servizi forniti da SOS Villaggi dei Bambini Ucraina. E di sviluppare nuovi servizi basati sui bisogni e sul nostro tipo di intervento per garantire un approccio sistematico alle questioni relative ai diritti dei bambini. Anche l’Advocacy è una mia responsabilità, il che significa cooperazione e partnership con tutti i principali stakeholder del settore governativo e non governativo. Attivi nel campo del benessere dei bambini in tutta l’Ucraina. Negli ultimi sei anni ho guidato la Rete ucraina per i diritti dell’infanzia. Questa rete riunisce 27 organizzazioni per la protezione dell’infanzia, tra cui SOS Villaggi dei Bambini Ucraina. Che in questo momento coordina i propri sforzi a livello nazionale per salvare e proteggere i bambini“.Ucraina

Come a Donestsk otto anni fa

“Ho avuto un’esperienza molto simile- racconta Darya Kasyanova-. Nel 2014, quando è iniziata la guerra nel Donbass, stavo lavorando con un’altra organizzazione a Donetsk. Nel 2014 e nel 2015 siamo riusciti a trasferire in tempo tutte le famiglie affidatarie e i bambini che si trovavano negli istituti residenziali. Quando è diventato evidente che il Paese era in guerra, anche nel dicembre dello scorso anno, abbiamo avviato una comunicazione attiva con il governo chiedendo passaggi preparatori. Tuttavia, l’esperienza del 2014 e del 2015 non è stata presa in considerazione per l’organizzazione di misure di preparazione. La guerra è iniziata all’improvviso e tutto è cambiato rapidamente. Molte parti interessate hanno iniziato a contattarmi. Perché sapevano della mia esperienza passata. È stato un peccato che, nonostante gli sforzi compiuti da SOS Villaggi dei Bambini e da altre parti interessate, inclusa la Rete ucraina per i diritti dei bambini, le fasi preparatorie per l’evacuazione dei bambini non siano state eseguite in tempo”.Ucraina

Affidatari

“Abbiamo mappato tutti i servizi di assistenza all’infanzia in nove regioni che consideravamo zone a rischio in caso di conflitto- sostiene Darya Kasyanova– La mappatura ci ha fornito dati sul numero di bambini che vivono in famiglie affidatarie e di bambini in istituti residenziali. Le nove regioni sono state selezionate in base a criteri che abbiamo ritenuto rilevanti, come ad esempio il confine con la Russia. Abbiamo commesso un piccolo errore perché si è scoperto che in realtà dieci regioni sono zone a rischio in questo momento. Abbiamo condiviso questi dati mappati con l’Unicef, con tutte le principali parti interessate e gli organismi del Ministero degli Affari Sociali. Sfortunatamente, il tempo non ci è bastato perché lunedì abbiamo condiviso le informazioni e giovedì mattina è iniziata la guerra”.

Partenza sofferta

“Ho due figlie- spiega Darya Kasyanova- La più grande ha 19 anni e ha già vissuto il conflitto quando ne aveva undici, quando abbiamo dovuto lasciare la nostra casa a Donetsk. Per lei, la guerra che si ripete è un’enorme tragedia. È grazie a lei che non siamo usciti dalla nostra casa di Irpin fino a due giorni fa. Era categoricamente contraria alla partenza. Ha detto ‘Non voglio perdere mia casa per la seconda volta!’. Mia figlia più piccola ha due anni e otto mesi. Stavamo inventando fiabe per lei. Dicendole che il suono delle bombe è un tuono. Ieri, mentre stavamo guidando verso l’Ucraina occidentale, ogni volta che sentiva il rumore chiedeva ‘Cos’è questo rumore? Questa è la sparatoria, giusto?’ È devastante pensare che, anche se hanno oltre 16 anni di differenza, entrambe hanno già vissuto la guerra. Ricevo molte offerte per trasferirmi in un luogo più sicuro. E ne sono molto grata. Al momento, rimaniamo qui, nell’Ucraina occidentale. Mio marito non è a casa da un po’, è tornato per salvarci da Irpin. Mia figlia più piccola è così affezionata a suo padre che non vuole allontanarsi di un passo da lui, soprattutto adesso. Si sveglia di notte chiedendo ‘Dov’è papà? Dov’è papà?'”.Ucraina

Mobilitazione generale

“Mio marito non può lasciare l’Ucraina (a causa della mobilitazione generale). Stiamo insieme e vogliamo stare insieme il più a lungo possibile. È molto difficile prevedere la situazione- precisa Darya Kasyanova-. Se vediamo che anche qui non sarà più sicuro, allora cercheremo un posto più sicuro. Finché potrò rimanere qui, seguirò il lavoro con SOS Villaggi dei Bambini. Farò tutto il possibile. Non credo di essere un’eroina. Penso che le donne, in condizioni di stress o shock, non cadano a pezzi. Almeno questa è la mia caratteristica. Mi faccio forza e mi concentro. È un modo di proteggermi, ne sono consapevole. Mi sono tuffata nel lavoro. Ho cercato di analizzare cosa bisogna fare. Cosa si può fare. Quali risorse sono necessarie per farlo. Questo aiuta a non impazzire in una situazione dove vivo, come molti di noi qui in Ucraina, la tragedia privata di aver perso la casa due volte. La situazione è molto incerta. Se ci si ferma a pensare si rischia di perdere la testa e non può essere questa la via d’uscita“.

Motivatori a supporto

“Ci stiamo concentrando tutti su ciò che sappiamo fare. Stiamo tutti pensando a come aiutare i bambini e i colleghi. Farsi prendere dal panico in questa situazione non aiuta. I terribili eventi che accadono da anni in Ucraina ci hanno preparato, in qualche modo, a tutto questo– puntualizza Darya Kasyanova-. Noi che lavoriamo a supporto dell’infanzia, non abbiamo bisogno di motivatori a supporto, siamo già auto-motivati. Abbiamo scelto di lavorare in questo settore e ci riteniamo fortunati del fatto che le nostre missioni personali e professionali coincidano. Stiamo cercando di salvare le famiglie e siamo felici che funzioni. Capiamo anche che non migliorerà presto e sarà una situazione molto impegnativa per le persone, per il nostro staff, per i bambini soprattutto. Le conseguenze di questa guerra possono durare anche un decennio, ne siamo consapevoli. Dico grazie a tutti coloro che stanno con l’Ucraina ed esprimono solidarietà. Grazie alle persone che stanno aiutando e sostenendo. I bambini e le famiglie dell’Ucraina hanno bisogno del vostro aiuto e sostegno. Voglio che tutti sappiano che quello che sta succedendo qui in Ucraina, in Europa, è l’inferno. Voglio che tutti sappiano che siamo all’inferno“.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.