Elisabetta II, la regina che ha fatto la storia

Il Regno Unito in lutto per la scomparsa, a 96 anni, della regina Elisabetta II. Nella mattina il comunicato di Buckingham Palace che avvertiva dell'aggravarsi delle condizioni della sovrana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

Si è spenta a Balmoral, la residenza scozzese, la Regina Elisabetta II (nata Elizabeth Alexandra Mary), sovrana del Regno Unito. L’allarme per le sue condizioni di salute è scattato l’8 settembre, poco dopo le 13.30. Da Buckingham Palace, infatti, era stata rilasciata una nota in cui veniva spiegato che “in seguito a una nuova valutazione del suo stato  questa mattina, i dottori della Regina hanno espresso preoccupazione e raccomandato che ella rimanga sotto sorveglianza medica”. L’annuncio della morte della sovrana del Regno Unito è arrivata poco dopo le 19.30 dell’8 agosto. “Sua maestà è morta pacificamente oggi pomeriggio a Balmoral“, si legge nella nota pubblicata da Buckingham Palace. Inoltre, il testo precisa, facendo riferimento a Carlo e Camilla, che “il Re e la Regina consorte rimarranno a Balmoral stasera e torneranno domani a Londra”. La Bbc ha fatto seguire l’annuncio da un momento di silenzio e dal suono dell’inno God Save The Queen. 

La biografia

Figlia maggiore del Duca di York, che in seguito diventerà re con il nome di Giorgio VI, e di sua moglie Elisabetta, prima Duchessa di York e poi regina consorte, diventa erede al trono nel 1936, anno dell’abdicazione di suo zio Edoardo VIII. Dopo aver servito nella Auxiliary Territorial Service durante la seconda guerra mondiale, nel 1947 sposa il principe Filippo Mountbatten dal quale ha quattro figli: Carlo, principe del Galles, Anna, principessa reale, Andrea, duca di York, ed Edoardo, conte di Wessex.

Il matrimonio con Filippo

Il 20 novembre 1947, la giovanissima principessa Elisabetta che ha solo 21 anni, sposa il principe Filippo Mountbatten, 26 anni, ufficiale della Royal Navy, nell’Abbazia di Westmister. A un anno dal matrimonio il loro primo figlio, il principe Carlo, che nasce a Londra il 14 novembre del 1948. Nel 2017 hanno festeggiato le nozze di platino: 70 anni di matrimonio. Il 20 novembre 2020 il principe Filippo e la regina Elisabetta hanno festeggiato ben 73 anni di matrimonio. Pochi mesi dopo, nell’aprile 2021, il Duca di Edimburgo è morto.

Regina a 25 anni

Diventa regina all’età di venticinque anni, alla morte del padre, il 6 febbraio 1952, venendo poi incoronata il 2 giugno 1953 nell’Abbazia di Westminster. Durante il suo regno ha assistito ad importanti cambiamenti tra i quali la devoluzione del potere nel Regno Unito, la vicenda del rimpatrio della costituzione canadese e la decolonizzazione in Africa con il rafforzamento del Commonwealth delle nazioni di cui è Capo. Ad oggi, il suo regno è il più lungo di tutta la storia britannica, avendo superato il 9 settembre 2015 il precedente record detenuto dalla sua trisavola Vittoria di 63 anni, 7 mesi e 2 giorni (pari a 23 226 giorni), ed è il più lungo in assoluto per una regina.

Le curiosità sulla Regina

Soprannominata Lillibet perché da piccola non riusciva a pronunciare il suo nome, soltanto il defunto marito Filippo poteva chiamarla con questo vezzeggiativo. La regina Elisabetta II è stata una delle prime persone a inviare una mail: è accaduto nel 1976. Nel 2019 ha fatto il suo primo post su Instagram. Ha inaugurato per ben due volte le Olimpiadi: quelle di Montreal 1976 e quelle di Londra 2012. Grande appassionata di cani, ha avuto circa una 30 di Corgi.

Inoltre, possiede tutti i cigni, gli storioni, i delfini e le balene nelle acque del Regno Unito. Sono di sua proprietà anche un elefante, due tartarughe giganti, un giaguaro e una coppia di bradipi. E’ un ottima guidatrice, ma non ha la patente: in Gran Bretagna il documento viene rilasciato in nome di Sua Maestà, praticamente si conferirebbe la licenza da sola. Idem per il passaporto: è l’unica della famiglia reale a non avere questo documento.

I record

È la sovrana più longeva nella storia del Regno Unito, inoltre ha visitato più Paesi  di ogni altro predecessore (oltre 120) ed è  la più ricca  (un patrimoni di 370 milioni di sterline). In tutto il suo regno ha incontrato 16 premier, compresa Liz Truss, salita alla carica di Primo Ministro al posto di Boris Johnson. Il primo premier è stato Winston Churchill  (1951-1955), seguito da Anthony Eden  (1955-1957) e da Harold Macmillan  (1957-1963). In seguito Elisabetta ha lavorato con Alec Douglas-Home  (1963-1964), Harold Wilson  (1964-1970 e 1974-1976), Edward Heath  (1970-1974) e James Callaghan  (1976-1979). C’ è stata poi l’era di  Margaret Thatcher  (1979-1990), seguita da John Major  (1990-1997), Tony Blair  (1997-2007), Gordon Brown  (2007-2010) e David Cameron  (2010-2016). Negli ultimi anni, Theresa May  (2016-2019), Boris Johnson  (2019-2022) e la nuova eletta Liz Truss.

Il doppio compleanno

La Regina Elisabetta festeggia il compleanno due volte. La prima il 21 aprile, giorno esatto della sua nascita; la seconda nel primo fine settimana di giugno in occasione della parata Trooping the Colour. Una tradizione voluta da  Giorgio II per esigenze climatiche.

Il “mistero” della borsetta e i look

E’ palesemente sotto gli occhi di tutti l’innata eleganza e la capacità di apparire sempre impeccabile di Sua Maestà. E’ considerata un’icona di stile con i suoi originali cappellini, la collezione di borse Launer London e i completi fluo. Questi ultimi spesso hanno attirato l’attenzione dei media che si chiedono come mai la scelta ricada su delle tonalità così appariscenti. Non si tratta di una scelta a caso, ma il motivo sarebbe che la sovrana ha bisogno di distinguersi, di essere notata da tutti. Altro aspetto che ha sollevato una certa curiosità sarebbe legato alle sue borsette e ai messaggi in codice che con quell’accessorio manderebbe ai suoi collaboratori. Si dice che quando voleva liberarsi di un interlocutore, passava la borsetta sul braccio destro; se invece era appoggiata a terra, significava che tutto era ok. Sfilare i guanti e tenerli nella mano destra significava che la conversazione era importante e non desiderava essere disturbata.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.