copertina

Castellani: “La vittoria del centrodestra con una solida maggioranza”

A quattro anni, sei mesi e tre settimane dall’inizio di una legislatura che ha visto susseguirsi tre esecutivi ed è terminata con un semestre d’anticipo rispetto alla sua scadenza naturale, con la crisi di governo di fine luglio, i cittadini e le cittadine italiane sono tornati a votare per scegliere i 600 rappresentanti del popolo in Parlamento.  Poco più di 46 milioni i chiamati alle urne sul territorio nazionale e, per la prima volta nella storia dell’Italia repubblicana, i 18enni hanno espresso la loro preferenza anche per i seggi del Senato – voto in precedenza riservato a chi aveva dai 25 anni in su. Meno italiani alle urne rispetto a quattro anni e mezzo fa, il dato dell’affluenza – ad ora l’unico ufficiale fa registrare un calo netto di 10 punti rispetto alle elezioni politiche del 2018. Secondo i dati del Ministero dell’Interno, alle 23 ha votato circa il 64% degli elettori, contro il 74% del 4 marzo 2018.

Come ci siamo arrivati alle elezioni in autunno

Un’altra “prima volta” per il nostro Paese sono le elezioni in autunno, dopo una campagna elettorale “balneare” durata un paio di mesi in seguito alla caduta dell’esecutivo guidato dall’ex presidente di Bankitalia e della Banca centrale europea Mario Draghi, al momento in carica per il disbrigo degli affari correnti fino all’insediamento del prossimo governo. Per capire come ci siamo arrivati, occorre riannodare i fili degli eventi degli ultimi due mesi. Giovedì 14 luglio, nell’aula di Palazzo Madama, i senatori del Movimento 5 stelle non partecipano alla votazione congiunta su fiducia e sul testo del decreto Aiuti, a differenza di quanto successo alla Camera (in quell’occasione avevano votato la fiducia ma erano usciti dall’aula al momento della votazione sul testo del decreto). In quel frangente, il presidente del Consiglio era salito al Quirinale per rassegnare le sue dimissioni, respinte dal capo dello Stato che lo aveva rimandato alla Camere. Il 20 luglio, nel corso del suo intervento al Senato, Draghi chiede alle forze politiche se intendono ricostruire quel “patto di fiducia” su cui era nato l’esecutivo di unità nazionale nel febbraio 2021 per affrontare l’emergenza pandemica e la campagna vaccinale. Passa a maggioranza la risoluzione a firma Casini sulla fiducia al governo, ma, senza che però partecipino al voto tre di quelle forze che compongono il governo, M5s,  Lega e Forza Italia. La mattina del 21 luglio, dopo un breve passaggio e un lungo applauso a Montecitorio, il premier risale al Colle per reiterare le sue dimissioni. Stavolta Mattarella le accetta e firma il decreto di scioglimento delle Camere.

Le proiezioni

I dati che escono dagli exit poll danno il centrodestra – a trazione Fratelli d’Italia – avanti  sia alla Camera che al Senato, con la stessa forchetta tra il 41,5% e il 45,5%. Alla Camera, tra i singoli partiti Fdi è primo con il 26%, il Pd secondo con il 19%, la Lega 8,5%, Forza Italia 8%, e dati analoghi al Senato che erano quelli più attesi e che danno un buon margine di agibilità alla coalizione di centrodestra. Il Movimento 5 stelle guidato da Giuseppe Conte si aggiudica una forchetta che va da un minimo del 13,5% fino ad un massimo del 17,5%, dato che le proiezioni del Senato spostano più in alto, al 17%, collocandolo davanti alla Lega di Matteo Salvini. Per quanto riguarda i soggetti politici più piccoli, secondo il primo exit poll del consorzio Opinio-Italia per la Rai, a Montecitorio l’Alleanza Verdi e Sinistra è tra il 3 e il 5%, Più Europa è al 2,5-4,5%. Seguono Italexit e Noi Moderati, entrambi tra lo 0,5% e il 2,5%. Impegno Civico si attesta tra lo 0 e il 2%.

L’intervista

Per un’analisi “a caldo “dei primi dati elettorali, Interris.it ha intervistato il politologo Lorenzo Castellani, docente di Storia delle istituzioni politiche all’università Luiss di Roma.

Professore, cosa ci dicono i primi exit poll e quanto sono attendibili?

“Sono abbastanza attendibili in quanto rispecchiano molto i sondaggi che abbiamo visto nelle scorse settimane. Tutto come previsto: ci parlano di una vittoria della coalizione di centrodestra con una sicura maggioranza assoluta, bisognerà poi capire le proporzioni tra i partiti all’interno di un governo di centrodestra a trazione Giorgia Meloni. E’ interessante rilevare come i due partiti più critici del governo Draghi, Movimento 5 stelle e Fratelli d’Italia, abbiano molto consenso. Nella competizione elettorale le forze politiche che intercettano meglio gli umori popolazione risultano più forti. Resta un Paese difficilmente decifrabile, dove sono slegati il Paese ‘legale, quello di governo e delle leggi, e il Paese ‘reale’, quello che poi vota”.

Ci spiega allora più nel dettaglio quale potrà l’impatto di questi risultati sulla coalizione di centrodestra, dove Fratelli d’Italia fino a non molto tempo fa era il soggetto politico più piccolo?

“La leader di Fdi è ora padrona del centrodestra, anche se dovrà concedere comunque qualcosa agli alleati. Una Lega così ridimensionata farà più fatica a imporre la propria linea, dato che in virtù del suo risultato la Meloni ‘tiene in mano le carte’. Forza Italia tra il 7% e l’8% diventa il partito più piccolo della coalizione ma non collassa e anche questo, cioè la presenza di un partito più moderato, rende più solida la vittoria del centrodestra”.

E per quanto riguarda invece l’area, più larga del centrosinistra, il fu “campo largo”?

“Il Partito democratico sembra andare secondo le attese, è calato un po’ dopo la caduta del governo Draghi e la sconfitta si materializza per via delle mancate alleanze. Il Movimento 5 stella recupera in modo rilevante, per via della sua critica all’esecutivo e alla difesa delle politiche principali, il reddito di cittadinanza e il superbonus edilizio 110%”.

Quale peso specifico si profila per “terzo polo”?

“Esiste, è andato bene ma con questi numeri ha non tanto peso specifico. Soprattutto, quella di centrodestra sembra essere una maggioranza solida quindi il ‘terzo polo’ non ha una rilevanza strategica importante”.

Cosa ci dicono i dati dell’affluenza e dell’astensione?

“Abbiamo votato in momento particolare: un periodo dell’anno in cui non si era mai votato, dopo un’improvvisa caduta del governo e una campagna elettorale non movimentata. Il Pd è rimasto nel suo recinto mentre Meloni si è dedicata a rendersi presentabile all’estero, per il resto gli altri leader sono da molto tempo in politica con le loro storie di esperienza e qualche ‘bruciatura’. L’elettorato del Sud non è stato molto mobile, verosimilmente è andato bene il Movimento mentre per il resto astensione”.

Lorenzo Cipolla

Recent Posts

Udienza, Papa: “Dare voce a chi non ha voce”

Questa mattina, nell’Aula Paolo VI, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in Udienza il Movimento…

5 secondi ago

Nelle lacrime di Francesco la mozione di pace per l’umanità sull’orlo del baratro nucleare

Le lacrime del Papa in piazza di Spagna sono un silente, potentissimo appello alle coscienze…

59 minuti ago

Incontro Mattarella – Parolin per promuovere la pace in Ucraina

È in programma per il prossimo martedì 13 dicembre a Palazzo Borromeo, presso la sede…

59 minuti ago

Bedizzole: operaio muore travolto in una cava

Ancora un incidente mortale sul lavoro. Un operaio di 62 anni è morto in una…

3 ore ago

Covid, Iss: “Rt scende a 1,10 ma resta sopra la soglia epidemica”

Scende lievemente l'indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici di Covid-19: da 0,14 a…

3 ore ago

Iran: prima impiccagione di un manifestante, spari contro le donne

Prima impiccagione in Iran di uno dei manifestanti delle dimostrazioni sorte in seguito alla morte…

4 ore ago