VISITA A SORPRESA DEL PONTEFICE AD ALCUNI DICASTERI VATICANI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:21

Visita a sorpresa di Papa Francesco negli uffici di alcuni dicasteri vaticani. Questa mattina alle 9 il vescovo di Roma si è recato all’esterno delle mura, in piazza Pio XII numero 3, dove sono ubicati il Pontificio Comitato di Scienze Storiche, la Congregazione per l’Educazione Cattolica, la Congregazione per il Clero e la Congregazione per gli Istituti di vita consacrata. Il Santo Padre è salito in ascensore al quarto piano. Poi è sceso piedi per salutare i dipendenti dei diversi uffici nelle sale riunioni presenti ad ogni piano. Ogni volta si è fermato tra i 30 e i 45 minuti. Con ciascun gruppo il successore di Pietro ha seguito lo stesso schema: dopo una sua breve introduzione su cosa si aspetta dai diversi dicasteri, ha voluto ascoltare cosa i dipendenti avevano da suggerirgli. Attorno alle 13 è uscito dal garage sul retro del palazzo, a bordo di una Ford Focus dai vetri oscurati, mentre diversi giornalisti lo attendevano con telecamere e macchine fotografiche.

Il Papa questa mattina ha inviato un tweet alla vigilia della veglia di preghiera promossa domani sera dalla Cei per i martiri di oggi. “Signore – ha scritto – manda lo Spirito Santo a dare consolazione e fortezza ai cristiani perseguitati”. Il successore di Pietro ha usato anche uno speciale hashtag coniato per l’occasione: #free2pray. Inoltre si è appreso che giovedì 28 maggio 2015, alle ore 12.30, nell’aula Giovanni Paolo II della Sala Stampa della Santa Sede, il direttore padre Federico Lombardi terrà un briefing per illustrare il programma del viaggio apostolico che Francesco compirà a Sarajevo (Bosnia ed Erzegovina) il 6 giugno prossimo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.