Home Chiesa Cattolica Sos dei vescovi per l’esplosione di violenza in Ecuador

Sos dei vescovi per l’esplosione di violenza in Ecuador

Ecuador: Commissione Giustizia e Pace, “la criminalità dilaga e terrorizza i cittadini”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Ecuador

Escalation di violenza in Ecuador. “Il Paese chiede sicurezza per bandire la paura. Compito prioritario delle autorità. È tempo che, a partire dall’educazione, si recuperino i valori della famiglia. Per costruire una società giusta. Solidale. Inclusiva. Ed equa”, avvertono i vescovi dell’Ecuador. E aggiungono: “La criminalità riempie di paura la società. E paralizza ogni azione dei cittadini”. La nota dell’episcopato si intitola “Delinquenza e paura sociale”. Negli ultimi cinque anni, gli omicidi sono costantemente cresciuti. ecuador

Boom di assalti in Ecuador

“Gli assalti alle persone, avvengono in case. Strade. Piazze. Parchi. Veicoli. O locali commerciali. Sono assalti quotidiani. Sempre più pericolosi e infidi. Per minacciare e sottomettere i criminali non utilizzano più un coltello. O un’arma da fuoco. Ma anche altri strumenti. Altrettanto o più pericolosi. Come spruzzare benzina sulla vittima. O su chi vuole difenderla”.Ecuador

Totem del profitto facile

La nota indica il rischio, da evitare, di equiparare i poveri ai criminali. Piuttosto, “il profitto facile e veloce è diventato l’obiettivo principale per molti. Quindi il traffico di droga ha molti seguaci e tentacoli. La prova è nelle azioni delle mafie che dominano. E uccidono chi si oppone. Dentro o fuori il carcere. La corruzione in politica è un’altra forma di criminalità. Ed è il termometro della criminalità comune”, concludono i vescovi dell’Ecuador.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.