Il vescovo di Assisi mons. Sorrentino nominato anche vescovo di Foligno

Il presule stesso ha annunciato oggi la nomina papale. Le due diocesi legate dalla "via francescana di santità"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:46

Monsignor Domenico Sorrentino, attuale vescovo di Assisi, Gualdo Tadino e Nocera Umbra, è stato nominato dal Papa anche vescovo della Diocesi di Foligno (Perugia). E’ stato lo stesso presule ad annunciarlo questa mattina, rendendo nota la lettera che gli era stata inviata nei giorni scorsi dal nunzio apostolico in Italia. Mons. Sorrentino è quindi vescovo di entrambe le diocesi.

Dal giugno 2020 la diocesi di Foligno era guidata dall’amministratore apostolico monsignor Gualtiero Sigismondi, a lungo vescovo della stessa diocesi (dal 2008) prima di essere trasferito in quella di Orvieto e Todi.

Mons. Sorrentino, che ha fatto l’annuncio nella sala della Spogliazione di Assisi, si è rivolto con un messaggio alla comunità folignate, ringraziando il papa “per la fiducia”. Il suo ingresso nella nuova diocesi è previsto per fine agosto. “Come dimenticare – ha osservato, fra l’altro – che la Chiesa di Foligno e quella di Assisi sono legate da una via ‘francescana’ di santità, che passa – per non citare che alcuni vertici – per le altezze mistiche di Sant’Angela da Foligno e l’insigne storia di carità della beata Angelina? Soprattutto non dimentico che lo stesso Francesco, nel suo itinerario di conversione, pose a Foligno quel famoso gesto di vendita del suo cavallo e della sua merce ritornando ad Assisi con la voglia di farla finita con le ricchezze mondane, per vivere la piena libertà dei figli di Dio e la condivisione con i poveri. Di lì a poco, questo vescovado lo avrebbe visto ‘spogliarsi’ fino alla nudità. I due episodi intrecciano il filo che, nella Provvidenza di Dio, ormai legherà queste due Chiese così privilegiate per tanta storia e santità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.