Sos del Vaticano. E’ urgente vaccinare i sacerdoti “in cura d’anime”

Vaccino ai sacerdoti: cardinale Stella (Congregazione del clero), “categoria a rischio per lo svolgimento di un servizio ‘socialmente utile'”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
sacerdoti

Appello della Santa Sede: è urgente vaccinare i sacerdoti. A ribadirlo è il cardinale Beniamino Stella. Prefetto della Congregazione per il clero. In un’intervista al Sir sostiene l’opportunità di aprire alla vaccinazione ai sacerdoti.sacerdoti

Sacerdoti a rischio

“Un sacerdote che sia fedele alla sua vocazione. Alla sua missione. E che quindi si spenda. Esercitando il proprio ministero. In parrocchia. Nelle carceri. Negli ospedali, etc.. Potrebbe essere considerato come parte di una ‘categoria a rischio’. Per lo svolgimento di un serviziosocialmente utile’”.  sacerdoti

Permesso

E aggiunge il porporato: “In tal senso. A titolo di esempio. Ricordo quanto mi è stato raccontato mesi fa. Dall’arcivescovo di una grande città dell’America Latina. All’inizio della pandemia l’arcivescovo dovette ritirare i cappellani dagli ospedali. Essendo per lo più sacerdoti avanti con gli anni. A loro volta a rischio contagio. In risposta a ciò, altri presbiteri più giovani si sono offerti volontari per il servizio in ospedale. Ricevendo dalle autorità civili il permesso. E la dotazione di un adeguato ‘”abbigliamento’. Per esercitare in sicurezza il loro ministero”.sacerdoti

Cura d’anime

Prosegue il cardinale Stella: “In tal modo, ha detto l’arcivescovo, nella sua diocesi. Nessuno che lo desiderasse. E’ morto senza sacramenti. O è stato ricoverato senza ricevere anche assistenza spirituale”. Per il ministro vaticano del Clero, si tratta di “un esempio di felice cooperazione. Tra autorità civili ed ecclesiastiche. Per rendere possibile ai sacerdoti, almeno a quelli ‘in cura d’anime’, l’esercizio del ministero. Come oggi potrebbe avvenire. Facilitando la somministrazione del vaccino”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.