Una Scuola per l'animazione liturgica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:20

E' in programma da domani a sabato ad Assisi la “Scuola di animazione carismatica” che sarà conclusa da Salvatore  Martinez,  presidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito e della Fondazione Vaticana “Centro  Internazionale Famiglia di Nazareth”. La Scuola sarà centrata su un passo del Vangelo di Matteo, “Rallegratevi ed esultate”. 

La scelta del tema è ispirata all’esortazione apostolica del Santo Padre Francesco “Gaudete et Exsultate” sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo. Il Comitato Nazionale di Servizio del Rinnovamento nello Spirito ha inteso “rilanciare” il valore ecclesiale e sociale dei carismi, dell'animazione carismatica della preghiera, della musica e del canto in seno al Rinnovamento. La Scuola rappresenta un approfondimento riservato agli aderenti al Rinnovamento (“fratelli” e “sorelle”) segnalati dai Comitati Regionali di Servizio, che già operano nel Ministero e che desiderano approfondire l’esercizio dei doni carismatici a esso legati. Il Movimento carismatico conta oltre 1.900 gruppi e comunità ai quali prendono parte oltre 200.000 persone

Nelle giornate si alterneranno relazioni sui seguenti temi: “Vita nello Spirito e fraternità nel RnS”, “La potenza profetica della ode”, “Il profilo umano e carismatico dell’animatore della preghiera, della musica e del  canto”, “L’animazione nella preghiera: i carismi assembleari e i carismi di animazione” e “Ministerialità carismatica e nuova evangelizzazione”. In programma anche simposi di approfondimento, diversificati per coloro che hanno partecipato alla Scuola negli anni precedenti, con particolare riferimento a “Musica e Canto” e all’”Animazione della Preghiera”. I pomeriggi saranno dedicati a laboratori e workshop.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.