Udienza generale, la preghiera del Papa per padre Oliver

Il Papa ha incentrato l'udienza generale sulla Legge mosaica, cioè i Dieci Comandamenti, e sull'opera dello Spirito Santo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:31

Un Papa particolarmente afflitto (per l’omicidio di padre Oliver) è quello che ha presieduto l’udienza generale di questo mercoledì 11 agosto incentrata sulla Legge mosaica, cioè i Dieci Comandamenti, e sull’opera dello Spirito Santo.

Sono questi, evidenzia il Pontefice riportato da Avvenire, i due punti cardine sui quali si sofferma Papa Francesco per spiegare “la novità della vita cristiana”, seguendo quanto scrive l’Apostolo delle genti nella sua Lettera ai Galati.

La legge “Grande dono di Dio”

In quel tempo, infatti, c’era bisogno di una Legge, “grande dono che Dio ha dato al suo popolo” contro il paganesimo e l’idolatria. Ma a chi sosteneva che i Galati avrebbero dovuto seguire la Legge per essere salvati e non provocare “la reazione dell’ira di Dio”, San Paolo rispondeva che l’osservanza della Legge mosaica e l’Alleanza con Dio “non sono legate in maniera indissolubile”.

L’Alleanza stabilita da Dio con Abramo era basata sulla fede nel compimento della promessa e non sull’osservanza della Legge, che ancora non c’era. Giunta solo 430 anni dopo, con Mosè, infatti, “la Legge non è parte costituiva dell’Alleanza”.

Papa: “Paolo non è affatto alla Torah”

Tuttavia, Francesco ribadisce che Paolo non è affatto contrario alla Torah, tanto che “più volte, nelle sue Lettere, ne difende l’origine divina e sostiene che essa possiede un ruolo ben preciso nella storia della salvezza”.

Ma c’è un aspetto particolare che l’Apostolo evidenzia, grazie alla sua “intelligenza spirituale e sostenuto dalla grazia ricevuta per la sua missione evangelizzatrice”: la Legge non dà la vita, non offre il compimento della promessa, perché non è nella condizione di poterla realizzare.

La legge è un cammino che ti porta avanti verso l’incontro. “Paolo – dice il Papa – usa una parola molto importante, la legge è il ‘pedagogo’ verso Cristo, il pedagogo verso la fede in Cristo, cioè il maestro che ti porta per mano all’incontro. Chi cerca la vita ha bisogno di guardare alla promessa e alla sua realizzazione in Cristo. (…) Questa parola è molto importante: il popolo di Dio, noi cristiani, camminiamo nella vita guardando una promessa, la promessa è proprio quello che ci attira per andare avanti all’incontro con il Signore”.

Padre Oliver Maire

“La radicale novità della vita cristiana”

Questa, dunque, “la radicale novità della vita cristiana”: “Tutti quelli che hanno la fede in Gesù Cristo sono chiamati a vivere nello Spirito Santo, che libera dalla Legge e nello stesso tempo la porta a compimento secondo il comandamento dell’amore. Questo è molto importante, la legge ci porta a Gesù

L’auspicio di Francesco, dunque, è che, con l’aiuto di Dio, i fedeli possano camminare “sulla strada dei Comandamenti”, che sono “pedagoghi che portano all’incontro con Gesù, ma sempre guardando “all’amore a Cristo”, sapendo che l’incontro con Lui “è più importante che tutti i Comandamenti”.

L’uccisione di padre Olivier e il modello di Santa Chiara

Nei saluti ai pellegrini di lingua francese, il Papa ha espresso il suo grande dolore per l’omicidio di Padre Olivier Maire, il sacerdote superiore provinciale della Congregazione dei Missionari Monfortani, ucciso il 9 agosto in Francia.

Ai pellegrini di lingua italiana, Francesco ricorda l’odierna memoria liturgica di Santa Chiara d’Assisi, definendola “un luminoso modello di chi ha saputo vivere con coraggio e generosità la sua adesione a Cristo”. Il pensiero del Pontefice è andato anche agli anziani, ai giovani, ai malati e agli sposi novelli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.