Uccisi due sacerdoti nello Stato del Guerrero

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:50

Due sacerdoti e un insegnante sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco da un commando che ha attaccato il veicolo su cui viaggiavano, sull'autostrada federale Iguala-Taxco, nello Stato messicano di Guerrero. I due sacerdoti defunti sono don Ivan Añorve Jaimes, 37 anni, parroco della Sagrada Familia, a Las Vigas, comune di San Marcos, e don Germain Muñoz Garcia, 39 anni, parroco di San Cristobal a Mezcala, Guerrero. La diocesi di Chilpancingo-Chilapa ha confermato l'uccisione dei due parroci, mentre il ministero della Pubblica Sicurezza ha confermato l'ingresso, al Genral Hospital di Taxco, di tre feriti, uno dei quali in gravi condizioni

L'attacco

Secondo quanto riferito dalle autorità, i due sacerdoti, l'insegnante, insieme ad altre tre persone, si trovavano sull'autostrada federale che collega la città di Iguala a Taxco. Improvvisamente un veicolo li ha affiancati, superati e poi ha bloccato loro la strada. Dal mezzo sono scesi diversi uomini che hanno aperto il fuoco contro l'autovettura su cui viaggiavano i due sacerdoti. Le autorità, come rifertito dal sito online www.infobae.com, hanno comunicato che a circa un chilometro di distanza dalla scena del crimine è stato trovato un camion Nissan Xtrail nero, con targa messicana: al suo interno c'era una fondina color verde oliva e un porta fucile che ora sono stati mesi a disposizione degli investigatori. Inoltre, gli inquirenti hanno comunicato che il camion risulta rubato

L'arcidiocesi di Acapulco chiede giustizia

“Com Chiesa siamo costernati da questo tragico evento che addolora l'intera comunità”, si legge in una nota emessa dall'arcidiocesi di Acapulco in seguito all'omicidio dei due sacerdoti. Il vescovo della diocesi di Chilpancingo-Chilapa, monsignor Savador Rangel Mendoza, ha condannato l'attentato e ha esortato le autorità a condurre un'indagine approfondita e immediata per trovare i responsabili del crimine e assicurarli alla giustizia. 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.