Il dramma silenzioso del Tigrai. Sos della Santa Sede e dell’Onu

L’Etiopia sta vivendo la fase più drammatica della sua storia recente. L’impegno internazionale per una soluzione al conflitto tigrino e alla disputa con il Sudan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
tigrai

Sos Tigrai. Dramma silenzioso nel Corno d’Africa. La guerra nel Tigrai supera i confini della provincia dell’Etiopia settentrionale. E, riferisce l’agenzia missionaria vaticana Fides, si estende ad altre regioni del Paese. Accrescendo la tragedia delle popolazioni civili.Tigrai

Emergenza Tigrai

Grido d’allarme dell’Onu per la crisi umanitaria in Tigrai. Dove arriva solo una frazione degli aiuti umanitari. Necessari per soddisfare le crescenti esigenze. E la situazione è sempre più imprevedibile e volatile. Intanto continua il movimento delle forze del Tigrai. Nelle regioni abitate dagli Amhara e dagli Afar. Oltre 2,4 milioni di persone hanno bisogno di soccorso. Tra malnutrizione e carenza d’acqua. Il conflitto sta entrando in una fase ancora più dura. L’Etiopia vive la fase più drammatica della sua storia recente. Sono in azione i droni iraniani che bombardano le truppe tigrine. Le

Il premier etiope, Abiy Ahmed Ali

Appoggi internazionali

Le autorità centrali armano i civili. E i tigrini devono far fronte a diverse milizie. Il premier etiope Abiy Ahmed cerca appoggi internazionali. Anche per risolvere le dispute con il vicino Sudan. Il leader turco Recep Tayyip Erdogan si è offerto di mediare. Durante la sua visita in Turchia, Abiy ha ottenuto l’impegno turco per una soluzione al conflitto tigrino. E alla disputa con il Sudan. Ad Ankara è stato anche firmato un accordo militare.

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.