Stop alla globalizzazione dell’indifferenza. L’impegno dei cattolici

49ª Settimana sociale: Miano (Tor Vergata), “il Papa ci invita a globalizzare la fraternità”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
cattolici

I cattolici si mobilitano per realizzare il mandato dell’enciclica “Fratelli tutti“. Papa Francesco testimonia l’importanza di contrapporre la fraternità all’indifferenza. Perciò i 17 Obiettivi di Sviluppo sostenibile fissati dall’Onu devono “starci particolarmente a cuore come persone. In quanto condividiamo l’esigenza di un pianeta migliore e di una vita più degna per tutti. E come cristiani. Sulla linea del Magistero di Papa Francesco che si è concretizzato nell’enciclica ‘Laudato Si’’. Un bellissimo documento. Ripreso di recente con l’enciclica ‘Fratelli tutti’. Con nuovi spunti e nuove aperture. Lì possiamo ritrovare alcuni elementi di riferimento”, evidenzia al Sir il professor Franco Miano.

Cattolici
Stabilimento ArcelorMittal (ex Ilva) di Taranto

I cattolici a Taranto

Il docente all’Università degli studi di Roma Tor Vergata ha approfondito con l’agenzia di stampa dei vescovi italiani i temi della prossima Settimana sociale di Taranto. Secondo il professor Miano, c’è “un insegnamento molto forte che il Papa ci ha consegnato sin dall’inizio del suo pontificato. Se viviamo nel tempo della globalizzazione, dobbiamo evitare che si globalizzi l’indifferenza”.

 

Sos disuguaglianza economica

Di qui, sottolinea il professor Franco Miano, “l’impegno comune” a “lottare contro l’indifferenza. Verso chi è povero. verso chi ha fame. Verso tutte le situazioni di disuguaglianza economica. Sociale. Culturale. Verso lo sfruttamento del pianeta. Il Papa ci invita a globalizzare la fraternità”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.