Catania festeggia la sua patrona. Le celebrazioni in onore di Sant’Agata

Diocesi di Catania, oggi la presentazione delle celebrazioni liturgiche in onore di sant’Agata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00
Agata

In onore di sant’Agata, patrona della città e dell’arcidiocesi di Catania. Si è svolta stamattina all’arcivescovado di Catania, nel Salone dei Vescovi, la conferenza di presentazione delle celebrazioni liturgiche del 17 agosto.  L’arcivescovo di Catania, monsignor Salvatore Gristina ha illustrato lo svolgimento e le modalità delle celebrazioni liturgiche. Alla presenza del sindaco di Catania, Salvo Pogliese. E del parroco della cattedrale, monsignor Barbaro Scionti. I partecipanti alla presentazione hanno rispettato le  vigenti norme anti-Covid.

Diocesi

In onore di Sant’Agata

Per rispettare le misure anti-Covid-19 a Catania le reliquie di Sant’Agata, ma non il busto, saranno esposte sull‘altare maggiore della Cattedrale. Il 16 e 17 agosto in orari stabiliti al fine di consentire la visita dei fedeli con ingressi e flussi contingentati. Si svolgerà inoltre senza fedeli. E sarà trasmessa in streaming. Con l’apertura del sacello e l’uscita del busto di Sant’ Agata, la celebrazione liturgica tradizionalmente prevista per il 17 agosto. Non vi sarà processione.

Candelore

Non vi saranno altre manifestazioni collaterali. Le “candelore” rimarranno come di consueto solo all’interno della Chiesa di San Nicolò. La Cattedrale di Catania assicurerà la gestione dei flussi di fedeli all’interno della chiesa. La pianificazione dei servizi di ordine e sicurezza pubblica all’esterno della Cattedrale è stata disposta nel dettaglio. Nei tavoli tecnici che si sono svolti in questura.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.