Il carisma di San Francesco. “La fratellanza umana porta al ripudio di ogni conflitto”

I francescani: "Chiediamo a Dio il dono della pace. La più alta forma d’amore è arrivare ad amare i propri nemici"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
Francesco

Appello di pace nel nome di San Francesco. I frati dipendevano da diverse province polacche dell’ordine. E nel 2001 è nata la Custodia Generale Russa di San Francesco d’Assisi. Che comprende anche il Kazakhstan.

Francesco
Particolare dalla “Predica degli uccelli” di Giotto nella basilica superiore di San Francesco ad Assisi

Carisma di San Francesco

“Il carisma di San Francesco di Assisi è certamente legato in modo particolare al tema della pace. Come lo è stata la vita stessa di Gesù. Il poverello d’Assisi richiamava quanti incontrava all’importanza di ciascun essere umano. Perché vedeva impressa l’immagine del Creatore. In ogni fratello. E in ogni sorella”, afferma fra Dariusz Harasimowicz. Il Custode Generale della Custodia Generale Russa dialoga sul tema della pace con l’agenzia missionaria vaticana Fides. “Come frati della Custodia Generale Russa, abbiamo seguito, prima di tutto, le indicazioni del nostro ordine per tutti i frati. Almeno un’ora al giorno di Adorazione eucaristica. Cui aggiungere diversi momenti di preghiera individuale e comunitaria. Con una speciale intenzione per la pace. Chiediamo incessantemente il dono della pace. Nelle omelie e nei discorsi con i fedeli domandiamo preghiere. Per chi soffre a causa della violenza. Ricordando alla gente la più alta forma d’amore. E cioè arrivare ad amare i propri nemici”. Le comunità francescane sono dislocate in cinque conventi. “La nostra missione, come cristiani e, in particolare, frati francescani  è indicare a chi incontriamo la via della pace. A cominciare dalla vita di tutti i giorni“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.