Come il buon Samaritano sulla strada per Gerico. Testimonianza a Pisa

8xmille: Pisa, a Montefoscoli “Casa Ilaria” ospita e offre lavoro a persone fragili

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

In provincia di Pisa a spiegare la missione della struttura solidale è il suo assistente spirituale. Don Maurizio Gronchi. Sulle ceneri dell’antico sito monastico della Badia di Carigi, sta sorgendo, a Montefoscoli (Pisa), una Casa. Per coniugare accoglienza, spiritualità ed ospitalità. Dedicato a suor Ilaria Meoli, medico infettivologo. Scomparsa prematuramente a soli trentasette anni nel 2007. Nella Repubblica Centrafricana.Pisa

Dono a Pisa

Il progetto intende mantenerne viva la memoria. Attraverso un’iniziativa collocata nel territorio che ha visto nascere e crescere Ilaria Meoli. Sulle tracce delle testimonianze della sua vita. Si articola una struttura multifunzionale. Combinerà turismo e ristorazione solidale. Agricoltura sociale e laboratori creativi. Pet-therapy e ippoterapia. Oltre a sostegno psicologico e psicoterapia. Attività fisica. Percorsi formativi. Esperienze culturali. Avviata nel 2016, riferisce il Sir, l’opera si sta concretizzando. Grazie all’importante contributo dell’otto per mille alla Chiesa cattolica. Oltre al sostegno di tanti donatori e partner.Pisa

Casa Ilaria

“Questo è un progetto che ci ha mosso verso un sogno– spiega a Tv2000 don Gronchi, assistente spirituale della struttura–.Si chiama Casa Ilaria. È un luogo di ospitalità e lavoro. Per persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale. Svantaggiati sociali. Qui abbiamo il desiderio di far lavorare ragazzi. Che altrimenti starebbero a casa”. La struttura garantisce a tutti il diritto al benessere. E alla qualità della vita anche nel tempo libero. Con le sue nove camere e due mini appartamenti consente un’ospitalità di alta qualità. Per persone che desiderano trascorrere un tempo di vacanza in Toscana. Usufruendo di tutti i servizi di Casa Ilaria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.